Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Horse Angels

Horse Angels

La Redazione diretta da Roberta Ravello, Fondatrice di Horse Angels e della sua testata editoriale e casa editrice. Autrice di diversi libri a tema cavallo, laureata in scienze politiche, registrata presso l'Ordine dei Giornalisti di Bologna come Direttore di testata tecnica.

Ladispoli, provincia di Roma, è in subbuglio per gli effetti collaterali delle esercitazioni militari in zona.
 
Non bastavano gli elicotteri in addestramento nei cieli che volano a bassa quota. Ieri pomeriggio sono apparse al largo anche delle navi militari impegnate in manovre di esercitazione. Mancano solo i cacciabombardieri per le strade.
 
Già un kite-surfer nella giornata del 3 ottobre u.s. è rimasto gravemente ferito dal vortice d'aria creato da uno degli elicotteri in esercitazione, mentre un cavallo si è dato alla fuga terrorizzato, con il rischio di farsi e fare male.
 
Ieri a subire danni è stata la Fioravanti Horse Farm, con fuga di un cavallo di valore che ha rischiato di mettere a repentaglio la sicurezza di più persone, oltre a incidentarsi, per fortuna solo lievemente, ma dovrà sospendere i suoi impegni sportivi prossimi.

I cacciatori invadono il terreno di un'azienda agricola con cavalli, a Bellaria, in provincia di Rimini, sparano, spaventano un cavallo che travolge la  proprietaria.

L'azienda agricola denuncia i cacciatori, che non avrebbero rispettato le distanze di sicurezza.  

Il regolamento sulla caccia vieta gli spari per una distanza di 100 metri da case, fabbriche, edifici adibiti a posto di lavoro.

Sono stati proprio i vigili urbani, che hanno inviato delle guardie venatorie sul posto, a consigliare la denuncia ai carabienieri. Non sarebbe infatti la prima volta che i cacciatori non rispettano le distanze di sicurezza, mettendo a repentaglio la sicurezza di persone e cavalli.

Fuga di cavalli nella notte da una vicina stalla e drammatico incidente sulla via Appia tra Monte San Biagio e Fondi, direzione Fondi.

Un cavallo si è scontrato con un furgonato e ha perso la vita. Illeso il conducente del veicolo. Gli altri cavalli in fuga sembrerebbe che siano stati recuperati.

Giovedì, 04 October 2018 16:08

Randagismo equino, che fare

Cosa fare quando ci si trova di fronte un cavallo scosso? Senza vedere nelle vicinanze il suo proprietario?

La risposta dipende essenzialmente da queste variabili:

  • dove si trova il cavallo
  • se la situazione è potenzialmente pericolosa per persone, animali o cose
  • se si hanno competenze per avvicinare l'equino in sicurezza
  • la vicinanza di un posto in cui sia possibile legare o rinchiudere il cavallo in sicurezza

Generalmente parlando, un cavallo libero, specialmente vicino a strade trafficate, costituisce un problema di sicurezza. 

Inseguirlo, come se foste predatori, non è il caso. Cercare di soccorrerlo se è impigliato, ferito, bloccato, intrappolato, non è semplice. Servono mezzi idonei e competenze.

La cosa migliore è dunque chiamare soccorso. A seconda della situazione i vigili urbani, i vigili del fuoco, la polizia stradale, i carabinieri.

Descrivere esattamente la situazione, i pericoli, il tipo di emergenza. 

Se il cavallo è socievole e si fa avvicinare, potete provare a condurlo in un luogo sicuro, lontano dal traffico veicolare e stare nei pressi fino a che non arrivano i soccorsi.

Se il cavallo non è vostro, non è assolutamente una buona idea decidere di tenerselo. Potrebbe essersi allontanato dalla sua proprietà perché ha trovato il cancello aperto o circostanze simili, perché è stato rubato.

Se l'avete confinato temporaneamente nella vostra proprietà ed è al sicuro, chiamare il veterinario di sanità pubblica perché legga il microchip e risalga alle orgini del cavallo.

Se è in una condizione di ipotetico maltrattamento, va comunque denunciata alle autorità la situazione e il ritrovamento, anche se vi offrite di adottarlo. Onde evitare un domani di essere accusati di furto e ricettazione di cavalli. 

Se il cavallo risulta essere di nessuno, potete anche reclamarlo come vostro, regolamentandolo all'anagrafe degli equini, ma la cosa è saggia solo se potete offrirgli una sistemazione dignitosa, le cure di cui ha bisogno, un posto a norma di legge e avete le competenze per gestirlo in sicurezza.

Generalmente parlando, un animale trovato vagante sul territorio, privo di proprietari ai quali si possa risalire, appartiene al sindaco di quel paese, che si deve occupare di tutte le spese di stabulazione e cura, oltre ad avere il potere di designarlo a nuovo proprietario, magari avvalendosi delle guardie ecozoofile o associazioni animaliste presenti sul territorio per selezionare la persona giusta per un possesso responsabile e sensibile alle esigenze di benessere dell'animale.

Giovedì, 04 October 2018 15:45

Ancora cavalli vaganti nel salernitano...

Non c'è settimana - in Italia - in cui un cavallo non tenti la fuga.

Già questo dovrebbe servire da monito per rafforzare l'anagrafe equidi, istituendo anche un regime di circolazione dei cavalli, per regolamentare meglio responsabilità civili e penali, ma tutto è lasciato al caso.

L'ultimo fuggitivo passato alla cronaca è di ieri. Fatto accaduto mercoledì 3 aprile mattina a Volpiano, in provincia di Torino.

Immediatamente sono scattate le segnalazioni degli automobilisti disorientati.

I carabinieri della compagnia di Chivasso e gli agenti della polizia stradale di Torino sono riusciti a riacciuffare il fuggitivo, scappato da una cascina di Volpiano, prima che entrasse in autostrada A5 Torino-Aosta.

A quel punto hanno accompagnato il cavallo nel vicino deposito in attesa dell'arrivo del proprietario.

Castelvetrano, provincia di Trapani, 1 ottobre - Un cane ha trovato un cavallo morente legato ad un albero, in un appezzamento di terreno di contrada Seggio, a Castelvetrano, nel Trapanese.

Grazie ai latrati del cane, che ha attirato l'attenzione della sua proprietaria, è stato possibile l'intervento del veterinario dell'Asp Leonardo Strada e dei vigili urbani. Il cavallo però è morto da lì a poco.

Il cavallo era chippato. Non è ancora stato seppellito però. 

Il proprietario del cavallo, secondo microchip, sentito dai vigili urbani, asserisce di aver ceduto l’animale a qualcun altro, che a sua volta dice di averlo passato a terza persona e via dicendo all'infinito.

Al momento i vigili urbani stanno cercando di risalire all’ultimo detentore dell’animale e avrebbero già relazionato alla procura della Repubblica di Marsala.

Anche Horse Angels ha presentato denuncia querela. 

Horse Angels, a seguito del grave fatto occorso sulla CISA il 30 settembre u.s., dove sono morti bruciati 8 cavalli, comunica di aver depositato il 1 ottobre u.s. presso la Procura della Repubblica di Parma una denuncia querela, conferendo mandato e procura speciale al proprio legale di fiducia l’Avv. Lorenza Mel.

Roberta Ravello, presidente di Horse Angels dichiara: “E’ fondamentale, per tutelare la memoria degli 8 cavalli arsi vivi ed il benessere di tutti i cavalli che ogni giorno viaggiano su strada, chiarire al più presto le dinamiche che hanno portato all’incendio del mezzo e all’impossibilità di far scendere gli animali in tempo, nonchè verificare le condizioni dell’autoarticolato rispetto alle normative comunitarie vigenti verificando eventuali responsabilità penali”.

Non esiste in Italia una legge specifica sul maltrattamento degli equini. I danni a loro cagionati rientrano nel più generale reato di "maltrattamento di animali" che è disciplinato dalla l.189/04 (link alla legge) che punisce chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale, ovvero lo sottopone a sevizie, a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche, con la reclusione da 3 a 18 mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro.

La medesima legge punisce altresì il "reato di doping a danno di animali", con l'intento di reprimere le frodi sportive, scommesse clandestine, combattimenti tra animali, competizioni illegali, disponendo che le stesse pene previste sopra si applichino "a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate, ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi".

In base alla legge, dovrebbe essere punito chiunque si renda autore di "lesioni" o di "sevizie" ad un animale, oltre dunque alla sua uccisione per motivi effimeri, futili o di cattiveria fine a se stessa (ne viene di conseguenza che la macellazione di animali da allevamento - quali i cavalli - non è considerata un motivo futile di uccisione e non viene perseguita come reato penale). 

La giurisprudenza ha chiarito che per integrare il reato non occorrono lesioni necessariamente fisiche, ma è sufficiente la sofferenza degli animali, che però va provata.

Come provare la sofferenza, ad esempio quella psicologica di un cavallo? Più spesso che non la mera denuncia querela di un privato, che interpreta la sofferenza del cavallo, non è considerata prova sufficiente e ci vogliono perizie medico veterinarie che attestino quello stato di sofferenza (che possono essere sovvertite da perizie di parte opposta). Per questo, la "conferma" dello stato di maltrattamento da parte delle autorità sanitarie locali (veterinario ULSS) è considerata come minimo auspicabile per avere migliori probabilità che il maltrattamento sia riconosciuto. Collaborazione non da dare per scontata neppure quando, dal punto di vista di persone di cavalli, il maltrattamento c'è. 

In merito alla sottoposizione a sevizie o a comportamenti, fatiche o lavori insopportabili per le caratteristiche etologiche dell'animale, assume valenza l' incompatibilità con il comportamento della specie di riferimento come ricostruito dalle scienze naturali. In questa fattispecie, l'eccesso di scuderizzazione del cavallo dovrebbe essere considerato un maltrattamento dalla giurisprudenza, ma non si è ancora mai visto un processo in cui ci sia un condannato per eccesso di scuderizzazione incompatibile con la natura etologica del cavallo.

Dallo scrivere una legge, a ottenere il rispetto di quella legge, ce ne vuole, come tutti gli italiani sanno benissimo.

Quindi, se il testo normativo sembra astrattamente dignitoso, nella concretezza della pratica è molto difficile che vengano perseguiti seriamente, penalmente, i maltrattatori di cavalli, al di fuori dell'eventuale sanzione per mala gestione, allevamento abusivo o non a norma, insufficiente tracciabilità degli animali e altri reati minori puniti con l'ammenda immediata o un decreto penale di condanna (ovvero dietro denuncia querela alla procura, inaudita la parte avversa, su richiesta del PM, quando all’imputato deve essere applicata solo una pena pecuniaria trattandosi di un reato minore).

Spesso le denunce querele per maltrattamento di cavalli di iniziativa di privati, non comprovate da ULSS, forestali, o enti accreditati per la tutela animale, sono semplicemente archiviate per "insufficienza di prove".

Le prove oggettive del reato potrebbero essere la morte dell'animale per incuria, indigenza, assenza di cure. Più raro ottenere che sia riconosciuto il maltrattamento per la condotta lesiva dell'integrità, della salute o del benessere dell'animale, che può consistere sia in un comportamento commissivo che omissivo, per crudeltà, dolo o senza necessità, che ci sia consapevolezza o meno del danno che si cagiona all'animale, ovvero l'ignoranza non è una scusa.

Può essere in teoria punito qualsiasi atto che infligge dolore e sofferenza senza motivo, o dietro la spinta di motivazioni futili o abbiette.

Per quanto riguarda l'uccisione di animale per motivi futili, esso è regolato dall'art. art. 544-bis c.p. Nel caso del cavallo, potrebbe rientrare in questa fattispecie la macellazione opportunistica di cavallo non destinato al consumo. Solo che va provata. Non bastano le ipotesi (il cavallo è sparito nel nulla). 

Azioni e competenze

Il reato di cui all'art. 544-ter c.p. è perseguibile d'ufficio, pertanto, una volta che l'autorità giudiziaria è venuta conoscenza del fatto riconducibile in astratto a tale tipo di delitto, ha il dovere di procedere autonomamente, con le indagini, anche in assenza di altro impulso da parte di soggetti terzi eventualmente offesi (come le associazioni animaliste per intenderci, che spesso se fautrici della denuncia querela, hanno anche interesse a costituirsi parte lesa).

La notizia di reato può provenire su iniziativa e segnalazione di qualsiasi soggetto, il quale può rivolgersi direttamente all'autorità (tramite denuncia presso qualunque ufficio di polizia giudiziaria: carabinieri, polizia di Stato, corpo forestale, ecc.), tenuta ad intervenire entro 30 gg (altrimenti sarebbe omessa condotta d'ufficio), ovvero avvalendosi delle associazioni animaliste o di enti riconosciuti che perseguono finalità di tutela (nel nostro caso guardie ecozoofile o associazioni di tutela degli equini riconosciute).

Se ci sono dei soggetti che vengono a conoscenza del maltrattamento durante lo svolgimento delle loro mansioni (come per esempio i veterinari, maniscalchi, gestori di maneggi, altri operatori, anche i privati che frequentano la scuderia), essi stessi hanno l'obbligo di denunciare il reato alle autorità. Se tali soggetti erano consapevoli del reato, ma hanno omesso di denunciarlo, potrebbe configurarsi la corresponsabilità nel reato stesso, anch'essa perseguibile penalmente. 

L'organo giudicante competente è il Tribunale penale di quel territorio. La denuncia querela può essere inviata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Competenza anche a mezzo raccomandata a/r, purché non sia omessa l'identificazione precisa del querelante. 

Cosa aspettarsi e come procedere

Poiché le possibilità di avere il maltrattamento del cavallo punito se si agisce come privati cittadini sono minime, è consigliabile inviare la segnalazione o esposto alla ULSS veterinaria di competenza per quel territorio e/o alla Forestale competente per quel territorio e/o alle Guardie Ecozoofile riconosciute per quel territorio e/o alle Associazioni animaliste che si occupano di tutela degli equini. A più si manda, in generale, meglio è, ovvero più ci si assicura che almeno ci sarà un sopralluogo.

La segnalazione per iscritto vale mille volte quella orale e fa sì che rimanga traccia dell'ipotesi del reato. Traccia che tornerà utile per dimostrare ipotesi di aggravanti, se il denunciato non sarà punito per niente o non adeguatamente e continuerà a perpetuare azioni o comportamenti reprensibili per la salute e il benessere dei cavalli. 

Evitare di segnalare per motivi futili e banali, come la vendetta personale per presunti torti ricevuti. Corredare le segnalazioni sempre di prove (foto/video) e incrociare le dita perché il maltrattamento sia riconosciuto (non è scontato).

Generalmente parlando, se la condizione di malessere è oggettiva, ci si può aspettare che vengano fatte raccomandazioni, vigilanza ulteriore e sanzioni se le raccomandazioni non sono osservate.

Il sequestro giudiziario degli animali, cioè che siano tolti all'ipotetico maltrattatore, è invece molto difficile. Purtroppo la legge italiana a questo proposito non funziona, perché il fondo creato all'uopo per mantenere gli animali da sequestro è dichiarato dalle autorità di competenza sempre "vuoto", senza trasparenza per capire se è mai stato alimentato (dovrebbe essere riempito con le "sanzioni per maltrattamento di animali"), e come eventualmente siano stati spesi i fondi, con un bilancio pubblicato e quindi trasparente come dovrebbe essere e non è. Le associazioni che si occupano di tutela degli equini, quindi, non ricevono fondi pubblici, neppure come rimborsi spesa giudiziari, per salvare i cavalli. In assenza di chi si offra di pagare tutte le spese di trasporto, stabulazione, cure, per tutto il tempo necessario, a proprie spese, difficile che i cavalli siano tolti all'indagato, che diventa dunque il custode giudiziario degli stessi. Va inoltre fatto presente al lettore l'ulteriore difficoltà. Chiunque, associazione o privato, si offrisse di pagare tutte le spese, non ha poi diritto a compensazione con gli animali stessi. Ovvero, la persona a cui sono tolti i cavalli potrebbe aver ragione in giudizio e chiedere dunque la restituzione dei cavalli, e magari anche dei danni morali e patrimoniali subiti dal sequestro. Se anche il processo andasse bene, e i cavalli fossero definitivamente confiscati, diventerebbero beni dello stato, non di chi li ha mantenuti. E lo stato potrebbe decidere di rientrare dalle spese del processo mettendo i cavalli all'asta: cioè vendendoli al miglior offerente, senza rimborsare un euro a chi li ha trasportati, stabulati, curati e amati per anni, fino alla confisca.

Non solo, è difficile perseguire il reato di maltrattamento di cavalli perché si prescrive in pochi anni, rendendo difficile arrivare ai 3 gradi di giudizio previsti dalla legge italiana per avere veramente una persona punita e quindi gli animali confiscati. Punita poi come? Se non ci sono precedenti, difficilmente c'è il carcere, al massimo la punizione è pecuniaria (soldi). Tanto vale, a questo punto, che l'eventuale maltrattatore sia punito subito con decreto penale di condanna, evitando aggravi per lo stato italiano e per i contribuenti, con processi che rischiano di finire in prescrizione e quindi nel nulla di fatto.

Rimane il problema dei cavalli. La giustizia che si aspetta il popolo è che siano tolti dalle mani dei maltrattatori in tempi rapidi, indipendentemente da come andrà poi l'eventuale processo. Ebbene, il modo ci sarebbe, confiscandoli subito come "beni deperibili", provvedendo alla cessione immediata a terzi dietro emulamento anche simbolico, che sarà poi il risarcimento al proprietario dovesse avere ragione in giustizia. Purtroppo, questa soluzione non è quasi mai quella portata avanti dagli organi di competenza in collaborazione ad enti di tutela che potrebbero pilotare la vendita, selezionando persone che vogliano i cavalli veramente per salvarli, e non invece per farli finire al mattatoio.

In assenza di un aggiornamento dell'intera disciplina, per soluzioni sostenibili ed efficaci, rimane il fatto che il gap tra performance degli organi deputati a sanare i maltrattamenti e aspettative del pubblico è massimo in animali come i cavalli, che sono nel limbo tra quelli da affezione e quelli da macello.

Soluzioni alternative

Se un cavallo è maltrattato, la soluzione più rapida e dalla parte del cavallo è appropriarsene legalmente, ovvero farselo cedere gratuitamente o comperarlo. La soluzione legale è lunga, dagli esiti non scontati, e offre soluzioni di compromesso, ovvero giustizie a metà. Se non ci sono altre strade, la giustizia a metà è sempre meglio di nulla. 

Domenica, 30 September 2018 14:39

L'anemia infettiva equina

L'anemia infettiva è una malattia virale degli equini a bassa contagiosità e a bassa mortalità caratterizzata da febbre ricorrente e debilitazione progressiva.

Sintomi:

  • febbre
  • anemia
  • dimagrimento
  • spossatezza e calo del rendimento
  • raramente l'esito è la morte improvvisa

In teoria potrebbe riguardare tutti gli equidi, ma non sono riportati casi di contagio con asini, muli e bardotti.

Dopo la penetrazione del virus, il periodo di incubazione fino all'eventuale comparsa della malattia è variabile dai 10 ai 90 giorni, ma il contagio potrebbe essere asintomatico per mesi o anni.

Se c'è malattia è perché il sistema immunitario del cavallo non riesce a difendersi.

Il decorso della malattia può essere:

  • Acuto -I decessi sono frequenti nel caso di varianti del virus particolarmente aggressive. Esiste anche una forma sub-acuta che presenta gli stessi sintomi della forma acuta, ma più attenuati.
  • Cronico - l'equide mostra spossatezza e una riduzione del peso, apatia e intontimento, magari correlate alla febbre. L'esito della malattia è molto vario, il cavallo può guarire.
  • Asintomatico - spesso chiamata anche latente non è in realtà una forma della malattia bensì la semplice presenza di anticorpi nel sangue.

Diagnosi:

Test di Coggins (un test del sangue che deve fare il veterinario di sanità pubblica - ULSS)

Trasmissione:

Tramite insetti ematofagi (succhia sangue), tipo: zanzare, mosche cavalline, tafani, zecche, pidocchi...

Possibilità di contagio:

  • Solo da cavallo a cavallo
  • Non da cavallo a uomo
  • Rara, l'insetto succhia sangue dovrebbe trasferirsi da animale malato ad animale sano in poco tempo, fino a che il sangue infetto è ancora nel suo apparato buccale

In particolare, l'anemia equina è una malattia poco contagiosa. Solo gli individui malati (non quelli positivi al test) trasmettono la malattia; la stragrande maggioranza degli equidi trovati positivi al test di Coggins sono sani e non svilupperanno mai la malattia.

Tanto è che è stato provato che i puledri allattati da mamme infette attraverso il colostro, si negativizzano intorno al sesto mese di vita, risultando non infetti. Lo stretto contatto di questi con le madri (senza infettarsi) per tutto il periodo dell'allattamento è una prova della difficoltà della trasmissione della malattia.

Prevenzione del contagio:

  • tenere lontani gli insetti ematofagi tramite l'igiene delle stalle, dei fondi di stabulazione e dei mantelli dei cavalli, introducendo anche barriere meccaniche (zanzariere) e trappole per insetti, nonché sistemi globali di lotta integrata e biologica
  • isolamento dei soggetti effettivamente malati, che possono trasmettere l'infezione, fino a loro eventuale guarigione
  • abbattimento del soggetto malato (provvedimento estremo e non obbligatorio)

Normativa in Italia:

La normativa attuale, decreto 2 febbraio 2016, non prevede il controllo dei cavalli allevati esclusivamente per la produzione di carne e neppure di quelli importati per la macellazione.

Quindi:

  • Controlli sierologici su tutti gli equidi presenti sul territorio nazionale eccetto quelli destinati alla macellazione
  • Ogni equide per essere movimentato deve aver fatto il test di Coggins e risultare negativo
  • Gli Istituti Zooprofilattici sperimentali competenti per territorio sono gli unici competenti per le analisi
  • In caso di positività il campione di siero viene inviato al Centro di Referenza Nazionale per conferma della diagnosi (Istituto Zooprofilattico del Lazio e Toscana)
  • Non sono ammesse prove di laboratori indipendenti
  • In caso di positività viene posto sotto sequestro sia l'animale positivo che gli altri equidi presenti nello stesso centro. Il sequestro viene revocato solo dopo l'allontanamento o l'abbattimento del soggetto positivo e la conseguente ripetizione del test sierologico a tutti gli equini del centro.
Pagina 4 di 78

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|