Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Corio, Torino, nuovo sequestro equide, cavalla affidata a Casa del Vagabondo di Barbania
Mercoledì, 26 September 2018 10:59

Corio, Torino, nuovo sequestro equide, cavalla affidata a Casa del Vagabondo di Barbania

Corio | Maltrattamento animali | Cavalli e cani | Denutriti e in ambiente insalubre | Area con filo spinato | Una donna denunciata | 24 settembre 2018

Nuovo caso di maltrattamento di cavalli a Corio, dopo quello che ha coinvolto Apollo lo scorso giugno.

Horse Angels ha ricevuto una segnalazione da privato, ha fatto l'esposto alla asl veterinaria di competenza. Il caso riguarda una cavalla, neppure troppo anziana, ridotta nelle condizioni della foto allegata.

I carabinieri della locale stazione, assieme alle guardie zoofile e gli ispettori dell'Asl TO4, hanno proceduto a denunciare una donna di 34 anni, residente a Corio e di professione agricoltore.

Nella cascina oltre alla cavalla, c'erano sette cani - di varie razze - tutti denutriti e in un’ambiente insalubre. 

Tutti gli animali sono stati dati in affidamento al canile “La casa del cane vagabondo” di Barbania, dove è custodito anche Apollo, il cavallo sequestrato per maltrattamento a Piano Audi, nei pressi di Coiro, in provincia di Torino.

IMG 20180916 122344 resized 20180918 054351939Horse Angels ha già affidato la pratica al proprio avvocato per la costituzione di parte civile a seguito del nostro esposto alla ASL.

Purtroppo, anche questo sequestro mette in luce le problematiche attuali con i sequestri di animali da allevamento e da reddito. Vengono lasciati agli indagati se non c'è qualcuno pronto ad accollarsi tutte le spese e senza fare troppe storie e polemiche. Il sistema non solo non funziona e non è equo, ma pretende anche di essere esente da critiche. Va infatti evidenziato che la legge 189/04 predisponeva un fondo statale per gli animali sequestrati per maltrattamento, da alimentarsi attraverso le sanzioni (multe) per gestione inadeguata al benessere, maltrattamento. Ma quel fondo viene dichiarato sempre vuoto e mai a disposizione di animali che di fatto abbisognano di sequestro, operazione che ha dei costi, tra trasporto, stabulazione, cure mediche veterinarie urgenti. Non solo, anche giunti a confisca, lo stato, pur non avendo mai mantenuto quegli animali da allevamento e da reddito, non è favorevole ai passaggi di proprietà definitivi nei confronti di chi - nei casi che seguiamo noi - quei cavalli li ha sempre mantenuti a proprie spese, dichiarandoli beni dello stato. Beni che lo stato però non ha mai mantenuto, neppure con quel fondo all'uopo.

Intanto l'appello della presidentessa de "La Casa del Vagabondo", affidataria degli animali.

Ieri lunedì 24 settembre la nostra struttura ha ritirato 7 cani ed una cavalla in condizioni pessime. Gli animali erano tenuti in mezzo ai loro escrementi e malnutriti. A fronte di questa situazione di malgoverno abbiamo deciso di ritirare a nostre spese tutti gli animali presenti per mettere fine alle loro sofferenze. Se non ci fossimo presi carico di loro, nessuno li avrebbe spostati ed ora sarebbero ancora lì. Chiediamo a chiunque volesse e ne avesse la possibilità di aiutarci con farmaci, cibo e donazioni. A breve faremo post di adozione per ogni cane. Per maggiori informazioni Patrizia 3396341390

Trovate La Casa del Vagabondo anche su facebook.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?