Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Il randagismo equino a Roma, tra allevamenti abusivi e fughe di cavalli
Venerdì, 12 October 2018 11:06

Il randagismo equino a Roma, tra allevamenti abusivi e fughe di cavalli

immagine di repertorio immagine di repertorio

Acilia: cavalli scappano da maneggio, agenti li fermano nei pressi della Colombo

Cavalli che scappano da maneggi, allevamenti abusivi di animali da cortile, inclusi cavalli, circa 50 equini "randagi" che scorazzano per strade e giardinetti di Roma.

Questo il biliancio di una situazione fuori controllo e dell'incapacità delle autorità preposte a prevenire e sanare fenomeni di negligenza o abusivismo nell'allevamento.

L'ultima è del 10 di ottobre, quando gli agenti del X Gruppo Mare sono dovuti intervenire per catturare 4 equidi in fuga e in giro in Via di Macchia Saponara. 
Una vicenda che accende polemica. Gli agenti lamentano che non sono loro a doversi occupare di salvaguardia della fauna e di animali destinati alla pastorizia. Ma la latenza o insufficienza di personale dedicato specializzato, li costringerebbe ad occuparsi di questioni che, invece, dovrebbero essere competenza di forestali, guardie ecozoofile nominate con decreto prefettizio, CRAS (Centri Convenzionati per il Recupero degli Animali Selvatici) o altri enti cui è affidato con convenzione il servizio.
 
All'ultima riunione in Comune con la Dott.ssa Rosalba Matassa, responsabile benessere animale del Capoluogo, si è accennato ad esempio alla presenza di 50 equidi "randagi" a Roma.
Horse Angels ha fatto presente la propria disponibilità a una convenzione per il recupero degli equini randagi. 
Non sarebbe di certo il primo caso del genere. Nel salernitano ad esempio, dove il fenomeno degli equini vaganti aveva assunto negli anni scorsi dimensioni preoccupanti anche per la sicurezza stradale, diversi comuni hanno trovato la soluzione con una convenzione apposita con enti specializzati.
 
Ma dalla giunta Raggi tutto tace, anche in merito all'ultimo allevamento abusivo di equidi e altri animali da pastorizia reinvenuto nella municipalità di Corviale, addirittura su demanio pubblico, situazione dalla quale è scaturita una denuncia oggetto di indagine presso la Procura della Repubblica di Roma, caso sul quale è intervenuta anche recentemente Striscia La Notizia con l'inviato speciale Edoardo Stoppa.
 
A tale proposito, Horse Angels ha incaricato un proprio avvocato fiduciario di costituire Horse Angels quale parte lesa, non solo per arrivare a fondo alla questione e permettere l'assitenza agli animali eventualmente periziati per maltrattamento, ma sperando anche di sensibilizzare in questo modo il Comune di Roma sul fatto che per l'abusivismo allevatoriale e il randagismo di animali da allevamento e da reddito, specialmente per quanto riguarda gli equidi, che non sono animali facili da recuperare, stabulare, curare, necessitando di competenze altamente specializzate, occorre avere soluzioni strutturali e non lasciare tutto al caso.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?