Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Cavalli postali, impronte del cuore>Maiori, festa dell' Avvocata: cavallaro investe bambina e fugge
Domenica, 27 Maggio 2018 12:07

Maiori, festa dell' Avvocata: cavallaro investe bambina e fugge

Scritto da
Foto di repertorio Foto di repertorio

Abbiamo letto online questa lettera di un padre a Il Vescovado, giornale della Costa D'Amalfi, relativamente a un incidente accorso a una bambina durante la recente festa dell'Avvocata in quel di Maiori, provincia di Salerno, e la ripubblichiamo, per sensibilizzazione. 

Gentile Direttore, chi le scrive è il padre della bambina di Maiori colpita da un cavallo lo scorso lunedì all'Avvocata.

Approfitto di questo spazio per raccontare il fatto e ciò che alberga nel mio animo dopo questo brutto episodio. Uno sciagurato in groppa ad un cavallo si è messo a correre all'improvviso nel prato antistante la piazzola della Chiesa, investendo, fortunatamente solo di striscio, la mia bambina che si era incamminata a mano con la zia, e che all'urto è caduta rovinosamente al suolo. Nel frattempo il buttero, non curante dell'accaduto, si è dileguato.

Ho visto bene la scena (ed anche altre persone), perché ero proprio dietro di loro, e per poco quel cavallo non ha colpito anche me. Ho riscontrato subito la tumefazione alla gamba della bambina, al che ho cercato subito i volontari della Croce Rossa che l' hanno prontamente soccorsa insieme alla Protezione civile che ha allertato il 118.

Detto questo, nel frattempo che aspettavamo l'elicottero del 118, vedo passare il buttero (che indossa una vistosa maglia viola) passeggiare con degli amici come se nulla fosse accaduto. Ecco che incomincia a bollirmi il sangue nelle vene e mi dimeno verso lui perché voglio sapere chi è. Lui si allontana. Chiedo a quelli che passeggiavano con lui chi fosse, ma dicono di non conoscerlo (gli ignavi). Intanto incomincia a scappare e io il mio disperato inseguimento. Lo voglio prendere quel vigliacco! Cerco aiuto per fermarlo ma niente, nessuno fa niente. Mi guardano, sembro io l'impazzito, ma non mollo. In mezzo a tanta gente che suona, balla e fa le grigliate, il coniglio scappa ma io gli sono dietro e non mollo. Fino a che risale su per la collina e lì, da solo, mi fermo. Non posso proseguire, devo tornare dalla mia bambina. Vorrei una sola risposta ai miei tanti perché, ma dopo tutta questa disperazione mi sento solo di ringraziare tutti i miei amici Maioresi che si sono stretti a me e alla mia bambina e che ci hanno dato sostegno e fatto sentire protetti in questo luogo terra di nessuno.

Leggi anche:

Maiori, festa dell' Avvocata: bimba pestata su un piede da un mulo

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?