Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Sfumature di baio>Nati per essere selvatici>I cavalli selvatici di Valle Lepri alle prese con le criticità e le opportunità
Lunedì, 28 Gennaio 2019 11:35

I cavalli selvatici di Valle Lepri alle prese con le criticità e le opportunità

A Valle Lepri di Ostellato, nel ferrarrese, vivono oltre due dozzine di cavalli allo stato selvatico. 

La quasi totalità di essi sono di razza Delta del Po. Un fascicolo aperto presso la Procura della Repubblica di Ferrara potrebbe eventualmente approfondire se esistono profili di responsabilità nell'abbandono, perché in via generale la legge vieta l'abbandono di animali abituati alla domesticazione e bisognosi di cure, di cui si possa provare, ed è stato provato per Valle Lepri, nell'attuale metratura disponibile di pascolo, la non autosufficienza in benessere degli animali ivi residenti.

Che non passi il messaggio che si possono abbandonare animali abituati alla domesticità e bisognosi di cure dell'essere umano. Ciò è rigorosamente vietato, si tratti di capre, di cani, di gatti, di cavalli o di qualsiasi altro animale.

I cavalli poi, rispetto ad altri animali, presentano problematiche maggiori. Allo stato attuale sono pressoché inamovibili, per tutta una serie di problemi, pratici e sanitari.

Poiché l'ambiente in cui vivono ora è insufficiente a garantire a tutti loro una qualità di vita soddisfacente, circostanza che abbiano appreso nel tempo, rilevando e affrontando varie criticità, il progetto per salvarli è complesso.

Vi è un tavolo equidi in Regione Emilia Romagna che vede gli attori coinvolti per questo salvataggio: la sanità animale dell'Emilia Romagna, il servizio AST di sanità animale territoriale di Ferrara e comprensorio, il Sindaco di Ostellato e Horse Angels, associazione che si sta prendendo cura dei cavalli.

Il sogno è quello di creare un’area protetta circoscritta - OASI - in cui sarà possibile l’osservazione oltre che dei cavalli, anche delle specie volatili che nidificano nella zona, per la massima valorizzazione del territorio vedendo il tutto anche da una prospettiva turistica e sociale, oltre che scientifica di studio. I cavalli potrebbero cioè essere ospitati nel Parco del Delta del Po di Ostellato, questa sarebbe l'intenzione.

Perché il sogno non si trasformi in un incubo, occorre che il terreno messo a disposizione consenta una gestione di cavalli allo stato di selvaticità, altrimenti si dovrà passare a un piano B, dando in adozione almeno i soggetti giovani che hanno più chance di crearsi una vita alternativa da domestici.

Ci vogliono ancora 2 o 3 mesi di transizione per arrivare all'oasi in co-progettazione con la Regione Emilia Romagna e gli altri partner strategici individuati dagli enti pubblici coinvolti.

Un limbo critico, ove l'Associazione Horse Angels, si troverà ad affrontare diverse problematiche legate al trattare cavalli che hanno acquisito abitudine alla selvaticità, ma che non vivono su un terreno sufficientemente ampio da garantire a tutti i soggetti presenti un adeguato benessere. In regime di scarsità, la natura affossa i più deboli, quelli che noi vorremmo salvare e che non possono essere trattati con i metodi convenzionali, inefficaci su cavalli selvatici.

A questo proposito, chi volesse aiutarci a far fronte all'emergenza, può venire al gala di beneficenza dell'8 febbraio che si terrà presso l'Hotel Villa Regina di Ferrara in data 8 febbraio (Via Comacchio 402) alle ore 20:30 al prezzo di 35 euro a persona. La serata sarà ravvivata da una lotteria e da filmati sui cavalli.

  • Per le prenotazioni contattare Sara Sitta al numero 346 3187453. Necessario confermare la presenza entro il 1º febbraio 2019.

Per chi non potesse venire, si può fare una donazione a mezzo iban al conto intestato a Horse Angels:

  • Via bonifico bancario, IBAN intestato a Horse Angels: it37c0760113200001000505063, codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX, causale: erogazione liberale per i cavalli di Valle Lepri
  • Con bollettino postale, conto intestato a Horse Angels: 1000505063, causale: erogazione liberale per i cavalli di Valle Lepri

A presto il seguito

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?