Italian Afrikaans Albanian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) English French German Greek Irish Portuguese Russian Slovak Spanish Swedish Turkish Yiddish
You are here:Torna all'entrata>La rivista Horse Angels>Horse Angels

Horse Angels

Lunedì, 12 June 2017 08:43

L'amore è reciprocità

Lunedì, 07 August 2017 07:25

La relazione è ciò che conta

Mercoledì, 23 August 2017 18:12

Leggere

Lunedì, 14 August 2017 18:07

Gentilezza e Tenerezza

Domenica, 17 September 2017 17:56

Love me first

Venerdì, 08 September 2017 13:41

Il libro dei nomi per gli amici animali

In questo libro troverete tante idee divertenti alle quali ispirarvi per trovare il nome all'animale del cuore, più schede utili per pensare a ulteriori nomi, unici e originali, come voi del resto.

Il libro è in formato digitale. Si può scaricare in pdf e leggere su qualsiasi dispositivo per soli 3 euro di donazione. Il file sarà inviato dopo aver elargito la donazione. La donazione può essere versata con paypal o qualsiasi carta di credito attraverso i bottoni predisposti all'operazione.

Grazie per la generosità e buona lettura!

3 Clicca qui per Clicca qui perVisualizza anteprima 3 Clicca qui per Chiudi Anteprima 3 Clicca qui per avviare il processo di ordine Clicca qui per ordinareLibroDeiNomi

Venerdì, 08 September 2017 10:29

Tutte le nostre bomboniere solidali

Creiamo artigianalmente bomboniere solidali per eventi come battesimi, comunioni, matrimoni, compleanni, premiazioni.

La donazione unitaria richiesta va da € 5,00 a € 7,00. E' possibile richiedere preventivi personalizzati, in base al tipo di evento, al numero di confezioni, al budget disponibile per la donazione. 

Con il preventivo personalizzato, si riceveranno via email o whatsup le fotografie della creazione su misura prima di avviarne la produzione. La donazione sarà richiesta solo ad avvenuto accordo sugli articoli da preparare e spedire.

Non esitate a chiedere il vostro preventivo personalizzato con foto a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., specificando il tipo di evento, il colore/i del tema (ad esempio i ferri di cavallo, i nastri, etc... sono personalizzati a seconda del colore richiesto), il numero di confezioni richieste, eventualmente il budget a disposizione per la donazione.

Nella galleria immagini qui sotto, alcune delle realizzazioni, alle quali è possibile ispirarsi per chiedere il preventivo.

Lunedì, 04 September 2017 14:03

Etologia ed ecologia equina, di J.C. Barrey

Un libro impossibile da eludere per gli amanti dei cavalli che possono leggere anche in francese.

Jean-Claude BARREY, ricercatore e docente di etologia, scritto in collaborazione con Christine Lazier, veterinaria, e pubblicato presso Edizioni Vigot nel 2011, Etologia e Ecologia, Studio della relazione tra cavalli, il loro ambiente e la persona.

Sintesi della pubblicazione

Quali meccanismi sono coinvolti nel comportamento innato del cavallo? Come prenderli in considerazione nell'addestramento? In questo lavoro, risultato dell'unione di etologia e neurofisiologia, così come di una lunga esperienza di lavoro pratico con i cavalli, Jean-Claude Barrey e il Dr. Christine Lazier decifrano questi meccanismi, mettendo in discussione la relazione uomo/cavallo tradizionalmente stabilita nel mondo equestre.

"Che cos'è un cavallo?" Come reagisce? Come percepisce il suo ambiente? Scoprirete il suo sistema nervoso e le sue funzioni cognitive, così come il suo "funzianamento" naturale.

- Capire le relazioni che il cavallo mantiene con i suoi simili e con l'uomo. Le relazioni sociali tra cavalli, le relazioni con altre specie, la strutturazione dello spazio sociale, il modo in cui il raggruppamento artificiale dei cavalli altera quest'ultima, corrisponde infatti a regole che l'uomo spesso dimentica o trascura.

- Una formazione efficace in relazione alla natura del cavallo. Conoscere questi meccanismi è indispensabile per potervi influire con sensibilità verso l'animale. Gli autori applicano questa conoscenza a molteplici usi, riguardanti sia la gestione dei cavalli al prato, sia quella in scuderia, sia la lezione di equitazione, privilegiando quei metodi di apprendimento basati sull'abitudine graduale a fare determinate cose per ripetizione e stimolo positivo connesso, rispetto a metodologie di condizionamento basate sulla coercizione.

Una sintesi illuminante del cavallo e del suo rapporto con l'uomo, per capire meglio il mondo del cavallo e per mettere in discussione e modificare molte delle pratiche obsolete sulle quali poggia ancora l'equitazione.

Dettagli

  • Publisher: Vigot (2011)
  • Language: French
  • ISBN-10: 2711421147

VOCI PER I CAVALLI è il concorso HORSE ANGELS per dare voce a chi non ce l'ha, i cavalli, premiando azioni, parole, scritte, carriere, improntate a migliorare l'approccio con gli equini.

Nell'ambito del Premio, quest'anno abbiamo inteso dare un riconoscimento a PAT PARELLI, la cui metodologia di approccio ha ispirato tante persone a rivedere il proprio rapporto con i cavalli, a togliere anziché aggiungere ulteriore pressione, soprattutto di tipo meccanico, per migliorare la relazione e sulla base di questa anche l'eventuale prestazione sportiva o di lavoro.

Horse comes first. Prima viene il cavallo. Basterebbe tenere sempre a mente questo perché il benessere del cavallo non sia mai messo in discussione nelle attività che impiegano i cavalli per lavoro o sport.

Grazie a Pat Parelli per aver accettato il nostro riconoscimento, precedentemente accordato a Monty Roberts per gli internazionali e a Giancarlo Mazzoleni tra gli italiani.


Chi è Pat Parelli, approfondimento:

Pat Parelli, nato nel 1954, è un addestratore americano di cavalli che pratica una forma di equitazione ispirata a un maggiore rispetto per il cavallo, dalla cui filosofia è nato il Programma di Corsi Parelli di Equitazione Naturale.

Biografia
Parelli è nato nel 1954 a Livermore, in California. Da bambino ha lavorato come stalliere per le strutture equestri vicine. Ha gareggiato in rodei durante la scuola superiore e poi si è laureato presso l'Università Statale di Fresno con una laurea in zootecnia. Successivamente ha gareggiato in rodei facendovi carriera fino agli anni 70. Negli anni 80 ha cominciato a sviluppare un percorso alternativo ispirato a una maggiore tutela del cavallo rispetto ai metodi tradizionali di addestramento.

Vita personale 
La prima moglie di Parelli è stata Karen, con la quale ha generato due figli. Il loro figlio Caton è nato nel 1984 con una grave disabilità e si temeva che non avrebbe mai potuto camminare o parlare. Tuttavia, il bambino ha superato le sue difficoltà e ha imparato a parlare, a cavalcare cavalli e da adulto ha gareggiato con gli American Quarter Horses nelle discipline del cutting e del reining. Karen è stata coautrice del primo libro di Parelli, Natural Horse-Man-Ship. Karen e Pat divorziarono; Karen si è poi risposata con un uomo chiamato Jim Hagen e oggi con lui è titolare di un programma di equitazione in California chiamato Natural Hoofprints.

La seconda e attuale moglie di Parelli è Linda, nata Paterson nel 1958 a Singapore e cresciuta in Australia, dove ha conosciuto Pat nel 1989. Ha aiutato a coordinare e promuovere i corsi di Pat in Australia e si è trasferita in America nel 1992. È il secondo matrimonio per entrambi. Dal 1996, il binomio Linda e Pat ha la sua sede operativa principale a Pagosa Springs, Colorado. 

Linda Parelli 
Linda si trasferì in Australia quando era bambina e presto convinse i suoi genitori a comprarle un cavallo e poi due. Quando era giovane equitava nel Pony Club e competeva in delle gymkhane. Da adulta ha cominciato a lavorare come estetista ma languiva la mancanza dei cavalli. Dopo essersi presa un purosangue inglese e avendo difficoltà nella gestione, ha tentato di utilizzare i metodi di dressage per la formazione ma li trovava noiosi. E' passata dunque a un corso Parelli, che aveva conosciuto tramite video diffusi. I due nel tempo s'innamorarono e sposarono. La competenza di Linda nelle materie di marketing e comunicazione è stata utile per contribuire a ciò che Parelli è oggi nel mondo dei cavalli.

Equitazione naturale 
Nel 1981, Parelli è arrivato all'attenzione del pubblico quando si è esibito cavalcando un mulo nel National Reined Cow Horse Snaffle Bit Futurity. Dal novembre 1983 al gennaio 1984, lui e il dottor Robert M. Miller hanno scritto insieme una serie di quaderni sul cavaliere stile western intitolati "Uno sguardo nuovo a una metodologia vecchia".  Parelli è ampiamente accreditato all'interno della comunità equestre internazionale dell'equitazione naturale grazie alla sua capacità di commercializzare le proprie idee e tecniche. 

La vita è spesso crudele, con le persone come con i cavalli.

Ma perché insegnare ai bambini la crudeltà? Per renderli edotti di ciò che li aspetta? O sarebbe invero nostro compito sottrarli alla crudeltà e costruire una società in cui non c'è posto per la violenza su deboli e indifesi?!?

Con i cavalli, almeno, abbiamo il potere di scelta. A differenza dei bambini, il fatto di averli o meno, di allevarli o meno, non è tanto soggetto a pressioni sociali e non può di certo essere afferito alle "necessità" o all'essersi trovati un cavallo per caso, non previsto e non programmato.

Dunque, sarebbe bello guardare un cavallo negli occhi e potergli dire che lo si proteggerà per sempre da ogni crudeltà. L'amore, se è incondizionato, non dovrebbe essere tormentato dai continui tradimenti e mi dispiace. E sarebbe bello attraverso i cavalli insegnare l'amore incondizionato ai bambini.

C'è un centro, in Tunisia, aperto da un'italiana, Gabriella Incisa di Camerana, il Centre Hippique Mahdia, che si rifa a questa filosofia del non tradire i bambini e gli animali con la crudeltà insegnata e proposta per risparmio di tempo o per fare più soldi.

Sito in un parco verdeggiante, il Centro Ippico Mahdia mette a disposizione cavalli autoctoni, iscritti allo Stud Book della F.N.A.R.C. (Fondazione Nazionale di miglioramento della Razza Equina) di razza berbera, araba e mogods (pony tipici della zona e anche, purtroppo, in pericolo di estinzione, che abbisognerebbero di un programma apposito di salvaguardia). 

Il centro offre due cose:  l'opportunità unica per conoscere i cavalli orientali e un inquadramento pedagogico che rifugge il dover dire al cavallo o al bambino mi dispiace, ma non ho avuto abbastanza tempo per amarti o educarti nel modo più consono alla tua salvaguardia fisica ed emotiva.

Per questo al centro si accettano i bambini affetti da autismo per le terapie complementari mediate dal cavallo. L'autismo è una patologia di cui ancora si sa poco dal punto di vista della medicina convenzionale e che lascia spesso i genitori nella disperazione perché vorrebbero aiutare i figli ma non sanno come fare. Non è chiara neppure l'origine dell'autismo, se si tratti di una patologia solo dettata da predisposizione genetica o se esistano fattori ambientali che influiscono in tenera età su bambini già predisposti da fattori genetici. Come che sia, la medicina convenzionale è di scarso conforto e la patologia colpisce sempre più famiglie, anche nei paesi dove ci sono meno forme assistenziali, come la Tunisia appunto, da cui la scelta del Centro Ippico Mahdia più unica che rara, nel contesto specifico.

Recentemente al Mahdia i bambini hanno fatto una dimostrazione di sfilata al passo con i cavalli senza imboccature. La scelta di non utilizzare il morso è dipesa dal fatto che, secondo Gabriella Incisa di Camerana, è preferibile non assumere il rischio di infierire involontariamente sul cavallo, infliggendogli dolore inconsapevolmente, a causa dell'incompetenza del principiante.

"Ma la vera preoccupazione resta la scomparsa sistematica dell'apprendimento graduale dell'arte equestre per vendere un'equitazione rapida, di consumo, sempre più veloce e sempre più insensibile. Sussiste infatti la negazione totale da parte di molti istruttori e addetti ai lavori di ciò che quotidianamente viene inflitto ai cavalli" sostiene Gabriella. "L'arte equestre è purtroppo oggi la prerogativa di rari cavalieri e istruttori, che sanno prendersi il tempo e soprattutto insegnare il tempo, perché non si debba mai dire, un giorno, mi dispiace ma ti ho fatto del male perché ho voluto scegliere la via più rapida, più economica e meno colta di gestirti".

E ciò potrebbe riguardare non solo i cavalli, vista la "galoppante" diseducazione di molti giovani, lasciati a se stessi per affrontare da soli le crudeltà del mondo, senza protezioni e senza adeguata formazione.

Per approfondimenti:

Centre Hippique Mahdia

 216 28 801 889

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
http://www.mahdiahorses.com
 
Pagina 1 di 33