Italian Afrikaans Albanian Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) English French German Greek Irish Portuguese Russian Slovak Spanish Swedish Turkish Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Recensioni su libri mondo cavallo>Sembrava un cavallo, ma era un cielo stellato nella costellazione di Voci per i cavalli 2017

Sembrava un cavallo, ma era un cielo stellato nella costellazione di Voci per i cavalli 2017

La scrittura nasce da emozioni, da incontri che fanno sorgere sensazioni che si decide di seguire, come un sentiero nel bosco. Il caso può far entrare in un ospizio e uscirvi poco dopo: gli occhi ascoltano e l'anima, invece di ributtarsi nel colore della vita, riflette, ricamando storie su possibili futuri. Ancora per caso, dopo qualche settimana, si incontra un cavallo abbandonato in una scuderia con una strana macchia sopra all'occhio e i due eventi si uniscono in un'unica trama che racconta vicende degne di nota. Così sono nati questi racconti in cui ragazzi, donne e uomini vivono le proprie vite, incrociandole con quelle di un cavallo e uscendone trasformati.

Il libro, dunque, tratta di quel Mercurio alchemico che cambia l'esistenza che era proprio il tema del bando Horse Angels, per la sezione racconti inediti, del 2017, cui l'autrice teneva a partecipare.

- Il cavallo - spiega l'autrice - nella mia opera è un essere magico, capace di alchimie misteriose: non solo permette di ammirare il panorama attraverso una visuale unica, quella che si intravede dalle sue orecchie, ma comunica con un linguaggio silenzioso che giunge all'animo, indicando le parole giuste per arrivare a chi gli è accanto. Un cavallo non è un semplice animale ma un immenso cielo stellato, capace di illuminare il buio della vita con la luce di emozioni intense e appaganti, facendo ritrovare la strada che, a volte, si perde nell'intrico della vegetazione -.

Il manoscritto, grazie anche a Voci per i Cavalli e il riconoscimento attribuito, del tutto meritevole, è stato pubblicato. Per ordinarlo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'autrice non è nuova a Voci per i Cavalli, essendo questa la terza edizione cui partecipa e classificandosi sempre ai primi posti della kermesse di narrativa e saggistica più attesa d'Italia - ma già internazionale per autori che vi partecipano - nel panorama del mondo del cavallo. Segno questo che la piattaforma di lancio funziona e porta gli autori premiati a qualche gratificazione, che è poi tra gli auspici della stessa organizzazione del premio.

SDC11749Ma chi è Paola Iotti? Nata a Reggio Emilia il 29 aprile 1964, ha conseguito la maturità scientifica e si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Parma. La sua prima opera, “Come l’arcobaleno tra una criniera”, è risultata vincitrice del concorso letterario “Il mio caro amico”, indetto da Giovanelli Edizioni nel 2014, seconda classificata al Premio Letterario “Mangiaparole” 2014 a Roma e al concorso letterario 2015 Voci per i Cavalli organizzato da Horse Angels. La seconda opera è risultata vincitrice del Concorso letterario Voci per i cavalli 2016, sezione inediti, dal titolo “Il cavallo, un’amicizia che va oltre il possesso”, libro poi pubblicato con Giovanelli Edizioni, che raccoglie una serie di saggi relativi all’approccio consapevole e rispettoso nei confronti dei cavalli. Con altri racconti si è classificata a diversi concorsi letterari nazionali, fino a collaborare con il Magazine online CaffèBook, dove vengono pubblicati settimanalmente articoli su argomenti di società e cultura. Alcuni di questi sono stati tradotti in spagnolo dalla rivista online MoonMagazine e altri hanno vinto premi.

 

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.