Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Sfumature di baio>Etologia, formazione, crescita personale
Etologia, formazione, crescita personale

Etologia, formazione, crescita personale

« Per averti farei di tutto tranne perdere la stima di me stesso….E se è questo che tu mi chiedi, io ti perdo ma stavolta resto in piedi, anche se qui dentro di me qualcosa muore...Si, per averti, per averti, farei di tutto ma rinuncio con dolore, si per averti farei di tutto ma non ti voglio, non ti voglio senza amore, eh...»  Condivido le parole di questa canzone di…
Il problema complesso dello sviluppare sistemi etologici per educare il cavallo è insito nella ripetibilità dell'esperienza e quindi nella prevedibilità della performance. Il cavallo non è una macchina, quindi tutto il suo agire deve tenere in considerazione aspetti complessi come l'incertezza, l'incompletezza delle informazioni (il cavallo può rispondere a uno stimolo ambientale di cui il conduttore non è consapevole), includendo concetti provenienti dalla probabilità, dalla statistica e dall'utilità. Ovvero, molte persone, anche…
La definizione che segue dei 4 modelli (statici), indica anche un arco temporale progressivo, dai paradigmi più vecchi a quelli più nuovi, che incorporano le sfide etologiche attuali, per una visione del cavallo come soggetto di diritto. Chiaro che nella realtà i modelli non sono statici, ma misti, in quanto risentono delle influenze del cambiamento di pensiero nel tempo.  Il modello utilitaristico, stile “inglese”: il cavallo è un oggetto…
Sembra strano parlarne, ma nell'ambito dell''equitazione sono molte le persone timorose in tutto o in parte. Qualcuno teme solo di uscire in passeggiata, specialmente senza accompagnamento, altri hanno paure più complesse che limitano il loro raggio di azione. Alle volte è una cattiva esperienza alle spalle che detta forti limiti nelle scelte e diminuisce tanto le possibilità di attività che è possibile svolgere con i cavalli.  Qui di seguito…
Chiunque prenda lezioni di equitazione, udirà ripetersi a più non posso: "Tieni i tacchi giù" e, altrettanto spesso: "Abbassa quelle mani!" Il primo istinto potrebbe essere quello di rovesciare il piede portando le punte delle dita in alto. Forzare innaturalmente il tallone irrigidirà la gamba e la costringerà fuori dalla posizione migliore per sentire il cavallo e stare in equilibrio.  Potrebbe succedere che, come riflesso, si china il busto…
Se i cavalli potessero parlare chiederebbero solo 3 cose: 1. Amici2. Foraggio3. Libertà Se si fa la stessa richiesta ai proprietari di cavalli, rispondono: 1. Un box pulito e asciutto con la copertina d'inverno2. Fieno, granaglie e integratori3. Un paddock di sgambamento sicuro e individuale, senza altri cavalli che lo infastidiscano Qualcuno, ma proprio i più storditi, che sovrappongono i propri interessi ai bisogni del cavallo e non sono…
Quando si è alle prime armi, se si ha intenzione di andare a cavallo, oltre all'animale in sé, occorre provvedere all'attrezzatura necessaria sia per equitare, sia per prendersi cura di igiene e salute del cavallo, sia per la sicurezza di cavallo e cavaliere, che non sono da trascurare. Chi abita in campagna, e si porta il cavallo a casa, potrebbe avere già parte dell'attrezzatura necessaria per l'igiene dei fondi…
Pagina 1 di 4

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|