Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Sfumature di baio>Etologia, formazione, crescita personale
Etologia, formazione, crescita personale

Etologia, formazione, crescita personale

In natura, già ad un mese d'età, il puledro è pronto per avere delle sessioni di allontanamento dalla madre durante le quali giocare con i coetanei per sviluppare le competenze pratiche ed emotive che innalzeranno le sue possibilità di sopravvivenza e di posizionamento sociale nel branco. Il gioco è costituito da corse, simulazioni di lotta, competizioni virtuali, prendersi cura l'uno dell'altro con il grooming, soddisfacimento della curiosità verso ciò…
Il cavallo è un animale molto curioso e il suo bisogno di soddisfare la curiosità può essere la porta per un'educazione diversa dell'animale. Il limite di questa curiosità, che in tanti cavalli viene sopita innaturalmente, è l'eccesso di confino, che sia legato all'ambiente di vita o alla disciplina cui è sottoposto regolarmente, senza mai avere tempo da dedicare ai suoi istinti naturali di socievolezza con altri equini e al…
I cavalli, come gli umani e altri animali, hanno diversi sistemi di memoria che consentono loro di memorizzare le informazioni e le esperienze di vita. Il fatto di utilizzare un tipo o l'altro di memoria dipende però da una varietà di fattori, questi ultimi non sempre controllabili dall'essere umano, essendo collegati all'età, allo stato di salute, all'ambiente, al livello di stress e ad altri parametri soggettivi nella vita del…
Tra tutti gli animali domestici che lavorano con l'uomo, il cavallo è quello forse più guidato dalle paure. L'istinto di paura, che muove il cavallo alla fuga, è legato alla sopravvivenza in natura, dove il cavallo è una preda e la sua migliore difesa è appunto scappare. Il cavallo dunque reagisce a tutto ciò che non conosce e che può rappresentare una minaccia tentando di allontanarsi rapidamente. Se l'istinto…
Quando si amano i cavalli occorre tenere in considerazione che millenni di servizio non hanno alterato i loro bisogni fondamentali. Scuderie, stalle, paddocks, briglie, tondino, disciplina equestre, finimenti di ogni tipo e quanto altro sono tutte invenzioni per convenienza umana cui il cavallo si adatta, ma non sostituiscono le esigenze naturali dei cavalli.  Ad esempio, per quanto riguarda l'esercizio, l'andatura naturale del cavallo è il passo. In natura i…
La cosa essenziale, quando arriva in scuderia un cavallo nuovo, non è provarlo a sella o lavorarlo alla corda per capire il livello di doma, ma la costruzione di una relazione di rispetto reciproco, che avviene a terra.  Occorre ottenere la fiducia del cavallo, rimuovere timori e paure, aspettare che si adatti al nuovo ambiente e solo quando il cavallo ha raggiunto l'equilibro, la serenità, la fiducia e il…
Il sigillo di Salomone, stella di David, Nirvana, può essere un obiettivo in equitazione. Vari nomi per indicare un principio filosofico di unione tra materia e spirito, tra ciò che è in basso e ciò che è in alto, per creare l'Unità tra spirito e materia, tra mascolino e femminino, tra principio ed effetto, tra micro e macrocosmo, tra riflettente e riflettore, nel gioco degli specchi che si influenzano a…