Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Biosensore per carne equina
Martedì, 12 September 2017 11:11

Biosensore per carne equina

Scritto da Redazione

Madrid, Spagna - Un nuovo biosensore sviluppato dall'Università Complutense di Madrid è in grado di rilevare carne di cavallo che può potenzialmente contaminare altre carni fino al solo 5% del volume. Il nuovo biosensore richiede un'ora per determinare, con assoluta certezza, se il campione è contaminato con carne di cavallo. Il dispositivo ha tanto più senso quanto più l'Europa è periodicamente attraversata da scandali di carne equina fatta passare per altro o inserita in prodotti che non ne dichiarano l'impiego in etichetta.

I produttori di beni alimentari come sughi, piatti pronti surgelati con ripieni, insaccati, possono essere tentati dal mescolare la carne di cavallo alla carne di altri animali, in quanto la prima è più conveniente, specialmente paragonata al bovino.

Un uomo d'affari prominente è stato dichiarato colpevole nel mese di luglio per la vendita all'ingrosso di carne di cavallo mescolata a carne bovina spacciando il prodotto come manzo.

Tutti poi ricordano l'Horse Gate del 2013, quando alcuni dei più grandi marchi a livello internazionale della grande distribuzione alimentare furono coinvolti nello scandalo di prodotti di largo consumo contenenti carne equina non dichiarata in etichetta.

Il valore all'ingrosso della carne di cavallo è inferiore rispetto al valore della carne di manzo e quindi il macinato di carne di cavallo si presta alle frodi alimentari.

Con il nuovo biosensore, la sicurezza alimentare dovrebbe migliorare e i consumatori dovrebbero sapere esattamente cosa stanno acquistando.

Fonte

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.