Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Detti, proverbi, aforismi e altre ispirazioni...
Detti, proverbi, aforismi e altre ispirazioni...

Detti, proverbi, aforismi e altre ispirazioni...

 

E' un detto che deriva dalla pratica di stabilire l'età del cavallo guardandogli la dentatura. Quando un cavallo è in regalo, si applica questo detto perché volerne determinare il valore di mercato, guardandogli in bocca (o facendo una visita completa di compravendita), è assimilabile a chiedere il prezzo di un regalo prima di accettarlo, cioè inopportuno. 

Andare con il cavallo di San Francesco, cioè andare a piedi. 

Il cavallo sano vuole quattro cose: briglia e biada, striglia e strada.

Il cavallo che obbedisce alla voce, non sopporta lo sprone.

Quando togliamo qualcosa dalla Terra, dobbiamo anche restituirle qualcosa. Noi e la Terra dovremmo essere compagni con uguali diritti. Quello che noi rendiamo alla terra può essere una cosa così semplice e allo stesso tempo così difficile come il rispetto.

(Detto Navajos)

Lui sa quando sei felice, quando sei a tuo agio, quando sei sicuro − e sa sempre quando hai le carote.

 

Bisogna amare i cavalli, essere vigorosi e arditi, e avere molta pazienza. Sono queste le principali qualità che fanno il vero cavaliere.


François Robichon de La Guérinière, Scuola di equitazione, 1733

Dio non voglia che io debba andare in qualsiasi Cielo in cui non ci sono cavalli.


Robert Bontine Cunninghame Graham - Lettera a Theodore Roosevelt, 1917

La scomparsa degli animali è un fatto di una gravità senza precedenti. Il loro carnefice ha invaso il paesaggio; non c'è posto che per lui. L'orrore di vedere un uomo là dove si poteva contemplare un cavallo!
 

Il più bel monumento equestre sarebbe un cavallo che avesse sbalzato l’uomo di sella.

I cavalli non scommettono sugli uomini (e neanche io).

Un cavallo è la proiezione dei sogni che le persone fanno su sé stesse − forti, potenti, belle − e possiede la capacità di farci evadere dalla nostra esistenza mondana.