Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Giostra dell'Orso a processo
Mercoledì, 05 July 2017 15:53

Giostra dell'Orso a processo

Scritto da

HORSE ANGELS COSTITUITA PARTE CIVILE OFFESA - GIOSTRA DELL'ORSO 2014, MORTE DI GOLDEN STORMING E DI ORACLE FORCE

Si svolgerà venerdì 7 luglio la quarta udienza per il processo riguardante i due PSI morti alla Giostra dell'Orso di Pistoia dell’Edizione del 2014, Golden Storming del rione del Drago e Oracle Force che correva per il Grifone. Sono state rinviate a giudizio sette persone per la morte dei due cavalli.

Relativamente alla morte di Oracle Force, l'accusa sostiene che il cavallo sia stato fatto correre in Piazza Duomo nonostante la misura del suo stinco non rientrasse nei parametri del regolamento di gara (cm 16.5, mentre dovrebbero scendere in piazza solo soggetti con un diametro di 18 cm.): indagate 4 persone, tra cui il presidente della commissione medica veterinaria del palio storico. In merito al decesso di Golden Storming, sono 3 gli imputati: il presidente della commissione medica, il componente di fatto della commissione e il referente clinico in caso di infortuni per il capo di accusa di maltrattamento animale. I veterinari avrebbero iniettato la dose di veleno mortale senza rispettare il protocollo usuale che richiede la sedazione preliminare al narcotico che paralizza cuore e polmoni per portare il cavallo alla morte rapida. Il protocollo usuale serve ad evitare inutile sofferenze all’animale infortunato valutato inguaribile o che semplicemente i proprietari non intendono spendere per curare, perché l'animale non potrà più fare "il mestiere" per il quale era stato comperato. 

Il 7.7.17 si apre l’esame dei testi e il Presidente Horse Angels è tra i testimoni dell'accusa.

Insieme all’ENPA, Horse Angels è stata anche ammessa come parte civile offesa. Per Horse Angels la difesa è affidata all'Avv. Ilaria Vettori del Foro di Pistoia.

"Speriamo che certi incidenti non abbiamo più a ripetersi e che, se errore c'è stato, sia pagato caro: per troppo tempo è andata avanti l'impunitopoli relativa alle morti nei palii e senza rigore di giustizia non c'è insegnamento, cioè non c'è progresso" dichiara la Presidente di Horse Angels, Roberta Ravello.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.