Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Fanzina Horse Angels>Il ruolo della personalità nella scelta della disciplina equestre in una ricerca
Martedì, 21 November 2017 11:27

Il ruolo della personalità nella scelta della disciplina equestre in una ricerca

IT

Il ruolo della personalità nella scelta equestre: indagine 

a cura di I.A. Wolframm  J. Williams   D. Marlin 
Per maggiori info: ingawolframm@hotmail.com
pubblicato nell'agosto del 2015 

La personalità ha dimostrato di influenzare il modo in cui le persone pensano, sentono e agiscono, e potrebbe influire sul modo in cui le persone si comportano e si esibiscono in un'ampia varietà di attività. Prove aneddotiche suggeriscono che esistono differenze di personalità tra gli equestri che partecipano a diverse discipline e a diversi livelli, ma l'evidenza empirica è limitata. Questo studio mira a indagare le tendenze disposizionali di cavalieri e amazzoni, in relazione all'età, alla nazionalità, alla disciplina, al livello competitivo, all'ampiezza del coinvolgimento in diverse discipline e al livello di comportamento alla ricerca del rischio. È stato sviluppato un sondaggio online che raccoglie dati demografici dei cavalieri relativi a nazionalità, sesso, età, livello di competizione e disciplina. Ad ogni disciplina è stato assegnato un punteggio di rischio e per ogni partecipante è stato calcolato un rating medio del rischio. I tratti di personalità dell'estroversione, della gradevolezza, della coscienziosità, del nevroticismo e dell'intelletto sono stati misurati usando il Mini-International Personality Item Pool. I ricercatori hanno analizzato le differenze determinate per i tratti della personalità attraverso diverse categorie di sondaggi. L'analisi delle variabili hanno incluso un range ampio di fattori, includendo: disciplina da alto a basso rischio, gruppi di età, non affiliati o affiliati a enti di promozione sportiva,  dilettanti o professionisti. I risultati hanno mostrato che gli equestri nella tarda adolescenza e i giovani adulti fino a 20 anni si consideravano meno simpatici, meno coscienziosi, ma più nevrotici rispetto alle generazioni più vecchie. Gli equestri competitivi si considerano più coscienziosi ed estroversi rispetto ai non agonisti. Gli equestri che partecipano a discipline a rischio più elevato si considerano meno simpatici e coscienziosi. L'aumento della gradevolezza, della coscienza e della diminuzione del nevroticismo negli equestri più anziani potrebbe predisporli a un ruolo nella formazione e sostegno degli equestri più giovani. Le differenze di personalità tra gli equestri di diverse discipline e a diversi livelli competitivi potrebbero essere utilizzate per aiutare le persone nella scelta dello sport equestre e del livello di coinvolgimento. In conclusione, il presente studio dimostra il valore dell'identificazione dei tratti della personalità attraverso diverse tipologie di discipline equestri.
 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.