Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Tutela dei cavalli>Sensibilizzazione>Bandire le doppie redini in quanto strumenti di conduzione troppo coercitivi

Bandire le doppie redini in quanto strumenti di conduzione troppo coercitivi

Chiudibocca e doppie redini, doppia imboccatura, sono un sistema di conduzione dei cavalli troppo restrittivo. 

Di solito contraddistinguono la disciplina del dressage, che si gioca tutta sul contenimento e la totale sottomissione del cavallo.

Punti chiave di questa posizione: uno studio condotto presso l'Università di Veterinaria di Sydney, dal famoso Prof. Paul McGreevy e suoi colleghi, che ha sottolineato come questo tipo di finimenti equestri possa causare dolore e traumi al cavallo.

Più severo il controllo adoperato dal cavaliere, maggiore lo stress da contatto.

La risposta allo stress - indicativa di dolore e sofferenza - è stata misurata attraverso l’analisi della temperatura e il monitoraggio della frequenza cardiaca, sottoponendo i cavalli al tipo di manovre esercitate durante una competizione equestre, ad esempio di dressage, dove il cavallo non può manifestare forti segni di disagio, altrimenti ci sono sanzioni.

Per evitare tali sanzioni si utilizza tutto un sistema di controllo del cavallo che è particolarmente coercitivo. Utilizzandolo si nega la “voce” ai cavalli e dunque che possano manifestare verso l’esterno i segni di stress, dolore e disagio.

Subito dopo che la ricerca è uscita qualcuno, nell’ambito degli sport equestri, ha fatto obiezioni allo studio, dicendo che sono stati utilizzati cavalli non abituati a tali finimenti e dunque potenzialmente più reattivi ad essi.

In risposta alle critiche, una delle ricercatrici, Kate Fenner, ha detto: "Non sono sicura che un cavallo possa mai abituarsi a qualcosa che ferma il masticare, il leccare e praticamente la deglutizione fino a danneggiare tessuti e nervi."

Attualmente gli sport equestri consentono l’uso di doppie redini, doppio morso, nonostante gli stessi sport risultino essere tra i meno popolari alle Olimpiadi, anche per questioni etiche rilevanti di percezione del pubblico sul ruolo del cavallo nello sport.

"Ogni cavallo di dressage a livello olimpico deve competere con le doppie redini, il che significa che ci sono due pezzi di metallo in bocca. Uno dei quali è una leva che stringe una catena di metallo - barbozzale - sotto il mento" ha detto il professor McGreevy.

"Quello che abbiamo scoperto è che, come si richiama il cavallo con le redini, i ferri in bocca sono compressi contro la lingua e la immobilizzano".

"Negare ai cavalli un comportamento normale, in nome dello sport, è molto difficile da difendere eticamente" ha detto il professor McGreevy.

Un'immagine di lesione alla bocca possibile come effetto di questo sistema restrittivo di conduzione del cavallo.

7386380 3x2 700x467Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa Public Library of Science, ha portato a tante iniziative, a livello internazionale, per chiedere di modificare i regolamenti al fine di mettere il benessere del cavallo atleta al centro dello sport, bandendo forme di coercizione esasperate.  

Riferimenti allo studio:

  • Kate Fenner, Samuel Yoon, Peter White, Melissa Starling, Paul McGreevy, The Effect of Noseband Tightening on Horses’ Behavior, Eye Temperature, and Cardiac Responses, Published: May 3, 2016, http://dx.doi.org/10.1371/journal.pone.0154179

Horse Angels aderisce alla presa di posizione e chiede alla FEI di abolire questo sistema conduttivo illiberale e dannoso anche per l'immagine degli sport equestri - già dalle prossimi olimpiadi - Questa è la nostra campagna stampa, con preghiera di diffusione.

I cavalli non dovrebbero soffrire in nome dello sport, perché non scelgono loro di diventare agonisti, ci sono costretti.

Chiediamo che le nasaline strette, chiudibocca, le doppie briglie, doppie imboccature, siano aboliti da ogni competizione equestre che sia sotto l'egida delle federazioni nazionali e internazionali, anche perché per competere alle Olimpiadi, con bandiera nazionale, si assorbono risorse pubbliche e quindi si deve rispondere al pubblico e alla sua sensibilità in materia di benessere animale. E' già abbastanza grave che gli sport equestri siano listati tra i "peggiori sport olimpici" per gradimento del pubblico, senza dover anche sopportare che nulla è fatto al riguardo per evolvere la prassi attraverso l'adeguamento all'etica contemporanea dei regolamenti (Leggi articolo correlato).

Horse Angels

Letto 13255 volte

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?