Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Tutela dei cavalli>Equibravo, guida per una buona gestione degli equini>Dalla cura dei piedi del cavallo, la lungimiranza per la sua gestione

Dalla cura dei piedi del cavallo, la lungimiranza per la sua gestione

I piedi e la loro cura sono fondamentali per prevenire zoppie e per equilibrare il cavallo.

Le unghie dello zoccolo vanno limate regolarmente da una persona competente e va prestata particolare attenzione alla ricrescita dell'unghia stessa e al pareggio funzionale anche per gli appiombi e dunque l'equilibrio del cavallo nelle sue andature. 

Un cavallo non dovrebbe essere impiegato in attività sportive che lo stato dei suoi piedi e articolazioni delle gambe non gli permettono di svolgere in modo sicuro, agevole e senza pericololi di deteriorare lo stato di salute di tendini e articolazioni, perché si sa, quando il cavallo è stato azzoppato definitivamente, pochi proprietari, checché sia registrato nel passaporto, sono disposti a mantenerlo fino a morte naturale.

La prevenzione delle patologie del piede è dunque uno strumento principale di responsabilità nel possesso del cavallo sportivo, o comunque non destinato alla produzione alimentare.

La scelta tra ferrare e tenere l'equino scalzo va ponderata a seconda di tante variabili, tra cui le condizioni di salute dell'equino, l'utilizzo che se ne fa, il tipo di gestione, il tipo di fondo su cui il cavallo soggiorna abitualmente, le varie problematiche che si presentano strada facendo.

Se si opta per il cavallo scalzo, va tenuto presente che l'unghia necessita comunque di pareggio qualificato. 

La transizione tra l'una e l'altra condizione, ferrato/scalzo, va seguita con attenzione, tenendo presente in primo luogo le esigenze dell'equino e il suo benessere, il suo sentirsi a proprio agio e l'appoggio sicuro sul terreno, l'impatto nel lungo periodo e tutte le altre variabili di cui si è accennato sopra.

E’ buona prassi controllare le referenze di pareggiatori/maniscalchi e affidarsi a persone esperte, che abbiano una buona reputazione. Gli zoccoli normalmente necessitano di essere rivisti ogni 4-8 settimane. La frequenza nel pareggio delle unghie dipenderà da vari fattori, tra cui la salute, la nutrizione, l'età, il fondo su cui soggiorna l'equino, quanto l'equino cammina al giorno e l'impiego, in generale, che se ne fa.   

I piedi dei cavalli devono essere controllati spesso. Se il fondo su cui stabula è melmoso, o comunque ristretto e quindi il cavallo stabula su deiezioni, i piedi hanno bisogno di cure anche quotidiane.

I piedi vanno esaminati per segni di disagio, ferite, lesioni, materiali estranei, impatto sul suolo, tenuta dei ferri, se calzati, stato di benessere del fettone, insorgenza di infezioni. 

Ricordarsi sempre che prevenire è meglio che curare. A tal proposito, ogni proprietario responsabile si doterà degli strumenti minimi di cura del piede, dal nettapiedi ai prodotti igienizzanti e protettivi per suola e zoccolo, al numero di telefono di uno o più maniscalchi/pareggiatori qualificati sul proprio territorio.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?