Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Tutela dei cavalli>Sensibilizzazione>Riconoscere i problemi con i cavalli e risolverli, check-list

Riconoscere i problemi con i cavalli e risolverli, check-list

Scultura: The Horse Problem, di Claudia Fontes Scultura: The Horse Problem, di Claudia Fontes

1. Riconoscere che un problema esiste

Qualsiasi proprietario/detentore di cavalli, sensibile al benessere del suo animale, comincia spontaneamente a coltivare empatia e sentimenti nei confronti del beniamino, che lo portano a saper riconoscere prima, per tempo, i problemi, e a cercare di risolverli. 

2. Identificare il problema

Il linguaggio del corpo del cavallo è esplicito, basta osservarlo, studiarlo, per entrare in sintonia e interpretarlo correttamente. Ogni sintomo è un messaggio. Ogni movimento, sguardo, vocalizzo, non è frutto di casualità, ma elaborazione di un linguaggio.

3. Isolare le cause del problema

Il problema può essere semplice o complesso (un misto di cause), essersi originato da poco o da molto. Cercare di capire le cause del problema è un ottimo esercizio cognitivo per sviluppare "senso del cavallo" e una visione dal punto di vista "del cavallo". 

4. Tentare di risolvere il problema

Non tutti i problemi sono di facile soluzione, ma tutti richiedono pazienza, comprensione, tolleranza, volontà di risoluzione, costruttività e fiducia nella relazione.

5. Non avere fretta

Se anche si invidua una strada di risoluzione di una problematica, perché il problema si risolva veramente, e non si annacqui solo, va risolto per gradi, quando il cavallo è pronto, utilizzando costanza nelle risposte. Il problema può essere visto come una cipolla, per arrivarne al cuore occorre scartare più strati. Comprensione e pazienza sono le chiavi di accesso.

6. Trovare l'assetto mentale corretto per affrontare i problemi

La rabbia, o al suo opposto la paura, non risolvono nulla. Per lavorare correttamente con un cavallo, occorre farlo a mente fredda e lucida, con equilibrio emotivo, in spazi adeguati e in sicurezza, con la giusta disposizione d'animo pacifica, aperta a risposte diverse che può dare il cavallo, in comunicazione con lui, con atteggiamento esplorativo, perché magari si parte con un'idea di soluzione che non è quella giusta e solo nell'interazione con il cavallo, sperimentando, si può trovare la risposta adeguata. Solo una mente aperta, senza pregiudizi, può elaborare i problemi, vederne le varie sfaccettature e arrivare a soluzioni che non sono tamponi temporanei, ma risoluzioni strutturali che hanno le basi per la permanenza.

7. Cercare aiuto in persone competenti e affidabili

Non tutti i problemi si è in grado di risolverli da sé. Ne esistono di tipologie che richiedono il lavoro di squadra con operatori competenti e qualificati con i quali esiste un rapporto di fiducia.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?