Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Tutela dei cavalli>Sensibilizzazione>Troppo rabbia nei giovani atleti equestri contro i cavalli

Troppo rabbia nei giovani atleti equestri contro i cavalli

Scritto da

Cogliamo l'opportunità dal video allegato, dove un operatore qualificato, conosciuto, che allena ad alto livello, fa outing su un problema di mancata educazione della rabbia, dove le vittime di abuso diventano i cavalli, per chiedere che ci siano maggiori controlli e punizioni più severe anche in Italia, quale che sia la disciplina in cui il cavallo è impiegato.

Come si fa infatti a pensare che adolescenti o giovani adulti, con già i loro problemi esistenziali, possano essere persone consapevoli e coscienziose nella gestione di animali come i cavalli? A mala pena questi giovani riescono ad essere responsabili per se stessi. Per i maneggi, spesso questi giovani non sono che l'occasione per fare denaro facile e li si lascia troppo spesso sbagliare, indulgere nell'errore, se non spingerli nel torto, perché conta solo il profitto, senza badare alle vittime.

Quando lo sfogo di rabbia non è episodico, ma abituale, e non corretto, viene a meno la parte raziocinante e riflessiva, lasciando spazio solo a reazioni ormonali e istintive. In questo caso, come specifica l'operatore del video, a fine giornata quello che si è ottenuto è abuso di cavalli.

  • Per quanto tempo ancora le federazioni e gli enti di promozione sportiva se ne laveranno le mani dei tanti abusi sui cavalli ad opera di persone giovani, ma anche meno giovani, che li trattano come oggetti scaricando loro addosso le frustrazioni personali?
  • E ancora, a che età è lecito spingere i giovani nell'agonismo, con cavalli che neppure sono in grado di gestire benignamente, se non sottoponendoli a tutta una serie di orpelli di contenimento e reprimende, perché manca conoscenza, saggezza, esperienza?

Negli ultimi venti anni l'aspetto agonistico è diventato sempre più importante in tutte le discipline e proposto sempre più precocemente, finendo per coinvolgere anche bambini. La responsabilità di questo fenomeno è da attribuire sia alle società sportive, i cui proventi e sovvenzioni sono condizionati dal successo dei loro atleti, sia alle famiglie, che hanno sempre maggiori aspettative di successo e fama per i loro figli.

Non si tiene abbastanza conto che il successo nello sport dipende da un insieme di fattori misti, su molti dei quali il soggetto non ha controllo: fattori genetici, psicologici, ambientali, familiari, sociali ed economici che andrebbero valutati per congruità prima di spingere un giovane nel circuito dell'agonismo.

Proponendo l'agonismo a tutti, come se fosse per tutti, e non lo è, si rischia di mettere in atto dei modelli non raggiungibili che espongono i giovani a delusione, umiliazione, insicurezza, ansia e rabbia, che talvolta vengono somatizzati, altre volte possono diventare un veicolo di rabbia che si abbatte sui cavalli, creando vittime di abuso e bullismo tra animali che non hanno scelto di fare agonismo, ma ci sono stati costretti.

Non solo, la spinta ad un agonismo precoce crea una percentuale alta di abbandoni, poiché priva lo sport della componente ludica e lo segna da esperienze negative (eccessiva pressione del trainer o aspettative della famiglia, bullismo, incidenti, abusi, etc.). Questo tipo di esperienze traumatiche, protratte nel tempo, può creare danni irreversibili, ai giovani umani come ai cavalli.

L'agonismo fa male se è concepito come pressione che non educa. Lo sport deve educare ai valori del rispetto dell'altro e ad accettare la sconfitta, senza punire i cavalli per questo.

I giovani in età evolutiva (6-18 anni) non hanno la capacità di dare alla sconfitta o alla vittoria il giusto peso, rischiano di identificarsi con il risulato. La perdita può coincidere con problemi di autostima; la vittoria può portare a sopravvalutare le proprie capacità e possibilità, generando illusioni. A quel punto di fronte alla sconfitta, diventa più facile non assumersi le proprie responsabilità e attribuire le colpe agli altri, incluso il cavallo, che si trova magari ad essere punito per colpe non sue. Il cavallo non è una macchina, anche lui può avere le sue giornate sì e no, può avere motivazioni fisiche e psicologiche che alterano la prestazione, non facilmente leggibili da giovani in età evolutiva che ancora devono imparare a comprendere se stessi, figuriamoci l'altro. 

Ma l'agonismo sa essere spietato, perché senza la mediazione dell'etica può comportare la ricerca della vittoria a tutti i costi. In un ambiente dove la deontologia professionale non è curata, un eccessivo carico agonistico e di allenamento, la mancanza di sufficienti rinforzi positivi, di una filosofia morale consolatoria ed educativa, può portare a disturbi psicologici, vanificando le promesse benefiche del fare dello sport all'aria aperta con animali come i cavalli.

Oggi c'è una grande preoccupazione sul discorso del doping, per cavalli e per atleti, vista la facile diffusione di droghe in certi ambienti, ma poi poco viene fatto per sanarli dal punto di vista etico e morale, con trainers che sono spesso commercianti di cavalli e poco più e di certo non possono essere quelle figure di riferimento educative di cui i giovani avrebbero bisogno perché lo sport sia espressione di ricerca di benessere e salute, interiore ed esteriore.

Ci auguriamo che per il futuro ci sia più selezione, sia nei trainers abilitati con i giovani in età evolutiva, che nel numero di giovani avviati all'agonismo.

L'agonismo non è per tutti. L'equitazione vissuta in modo ludico sicuramente per più.

 

Video

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|