Allevamento di animali destinati al macello in condizioni igieniche precarie, e discarica abusiva di rifiuti speciali, dai metalli agli elettrodomestici. Sono le attività scoperte dai finanzieri del comando provinciale di Como, che hanno sequestrato un'area di 17mila metri quadri, sottoposta a tutela ma usata come discarica abusiva nel comune di Grandate, in provincia di Como. Nell'area c'è anche un agriturismo, che non è stato sequestrato: nei controlli non sono state riscontrate irregolarità tali da disporre la chiusura.

Nelle ispezioni condotte dalla guardia di finanza con Arpa, agenzia per l'ambiente, e Ats Insubria, di tutela della Salute, e con i tecnici del comune, hanno trovato: una struttura abusiva di 300 metri quadri dove si allevavano animali destinati al macello; accumulo di rifiuti speciali come macerie da demolizione, ferro alluminio, elettrodomestici dismessi e bombole di gas accumulati in violazione delle norme anti inquinamento. C'erano poi sei cavalli e una ventina di maiali allevati in precarie condizioni igienico sanitarie. Sono in corso verifiche per accertare il trattamento corretto dei liquami delle attività di allevamento, forse sversate nel laghetto dell'agriturismo. dove gli animali andavano a bere. Sono in corso gli esami per capire quantità effettiva e natura dei rifiuti trovati. 

L'area è stata sequestrata, il proprietario del terreno e il gestore dell'agriturismo che lo utilizzavano sono stati denunciati