fbpx

Sviluppo Network

Più doni più ricompense ricevi! Puoi donare anche in memoria di qualcuno o per fare un omaggio a qualcuno.
(Tempo di lettura: 3 - 6 minuti)

Piantare nuovi alberi può aiutare. Ma conservare gli ambienti selvatici conta molto di più, dice un nuovo rapporto scientifico.

A meno che il mondo smetta di trattare i cambiamenti climatici e il collasso della biodiversità come problemi separati, il problema non potrà essere affrontato in modo efficace, secondo un rapporto emesso il 10 giugno 2021 dai ricercatori di due pannelli scientifici internazionali: l'IPBES-IPCC Co-sponsorizzato, laboratorio relativo alla biodiversità e ai cambiamenti climatici, che ha raccolto 50 dei principali esperti di biodiversità e climatizzazione del mondo, selezionati da un comitato direttivo scientifico di 12 persone assemblato da IPBES e IPCC, e che ha partecipato a un laboratorio virtuale di quattro giorni per esaminare le sinergie e gli scambi tra protezione e clima per la biodiversità mettendo focus sulle azioni di mitigazione e adattamento. Il report del workshop co-sponsorizzato da IPBES-IPCC sulla biodiversità e sui cambiamenti climatici, disponibile a fine articolo, è stato lanciato il 10 giugno 2021 in una conferenza sui media virtuali.

In sintesi

I partecipanti hanno prodotto un risultato scientifico associato, composto da sette sezioni scientifiche, un elenco di circa 1.500 riferimenti di letteratura, un glossario e appendici, che è pubblicato a fine pagina.

"I cambiamenti climatici e il collasso della biodiversità sono più profondamente intrecciati di quanto non si pensasse originariamente", ha detto Hans-Otto Pörtner, copresidente del comitato scientifico che ha prodotto il rapporto. Sono anche inestricabilmente legati al benessere umano. Ma le politiche globali di solito puntano all' uno o l'altro, portando a conseguenze non intenzionali.

Come siamo arrivati ​​sin qui

Per anni, una serie di scienziati e politici hanno studiato e cercato di affrontare la crisi climatica, avvertendo il mondo dei pericoli dei gas serra che si sono costruiti nell'atmosfera dalla rivoluzione industriale a causa dei combustibili fossili brucianti.

Un altro gruppo separato ha studiato e cercato di affrontare la crisi della biodiversità, sollevando allarmi sulle estinzioni di specie animali e vegetali e sul collasso dell'ecosistema.

Soprattutto i metalli pesanti rilasciati nell'ecosistema sono la causa della perdita di habitat, con l'agricoltura intensiva e la pesca eccessiva e sbilanciata che contribuiscono al problema.

Eppure, i due problemi non andrebbero studiati separatamente. Lo stesso elemento che costituisce il biossido di carbonio che intrappola il calore, il metano e la fuliggine è anche un elemento fondamentale del mondo naturale. Aiuta a formare il tessuto di piante e animali sulla terra. È conservato in foreste, zone umide, praterie e sul pavimento dell'oceano. In effetti, gli ecosistemi di terra e acqua stanno già ostacolando la metà delle emissioni generate dall'uomo.

Un altro collegamento tra clima e biodiversità: le persone hanno creato emergenze su entrambi i fronti utilizzando le risorse del pianeta in modi insostenibili.

Per gli ultimi due decenni, la crisi del clima ha in gran parte oscurato la crisi della biodiversità, forse perché la sua minaccia sembrava più terribile. Ma il saldo può spostarsi. Gli scienziati avvisano che il calo della biodiversità può portare al collasso dell'ecosistema, minacciando il cibo e l'approvvigionamento idrico dell'umanità.

Cosa non funziona

Le imprese e i paesi hanno guardato sempre più alla natura come un modo per compensare le loro emissioni, ad esempio, piantando alberi per assorbire il carbonio. Ma la scienza è limpida: la natura non può contenere abbastanza carbonio per farci continuare a spendere gas a effetto serra ai nostri tassi attuali.

"Una chiara prima priorità è la riduzione delle emissioni", ha detto il Dr. Pörtner.

Solo il mese scorso, la principale agenzia energetica mondiale ha dichiarato che se il mondo vuole evitare i peggiori impatti del riscaldamento globale, le nazioni dovrebbero smettere di approvare immediatamente nuovi progetti sul carbone, petrolio e gas.

Per peggiorare le cose, alcune misure utilizzate o proposte per affrontare il cambiamento climatico potrebbero devastare la biodiversità.

"Alcune persone sono là fuori a vendere un messaggio errato: che se copriamo l'intero pianeta con gli alberi, si risolverà il problema del clima" dice il Dr. Leadley. "Questo è un messaggio sbagliato su molti livelli".

In Brasile, e  parti del Cerrado, ad esempio, sono state piantate monoculture di eucalipto e pino nel tentativo di incontrare un obiettivo globale di riforestazione. Il risultato, i ricercatori hanno scritto separatamente, è un "un imminente disastro ecologico" perché distruggono l'ecosistema nativo e i mezzi di sostentamento delle comunità locali, comprese le indigene.

L'Europa che vorrebbe guidare il mondo nei biocarburanti, aggiungono gli scienziati, non si rende conto che questi hanno portato alla deforestazione e all'aumento dei prezzi alimentari. Un altro tipo di bioenergia, il pellet di legno, è attualmente in piena espansione negli Stati Uniti sud-orientali, nonostante le preoccupazioni sull'inquinamento e sulla perdita di biodiversità.

Gli interventi sbagliati sul clima tendono a ferire la biodiversità. Aziende di pannelli solari su terreni incolti, ad esempio, mangiano l'habitat della fauna selvatica, una particolare preoccupazione per i luoghi con specie minacciate. Ma in modo critico, generano energia pulita.

Il rapporto sottolinea i modi per mitigare il danno alla biodiversità, ad esempio attraverso l'allevamento non intensivo, riportando il bestiame in natura, migliorando così le scorte del terreno di carbonio e mantenendo l'habitat più naturale. Mentre i parchi eolici possono ferire la migrazione degli uccelli, gli autori notano che le turbine moderne causano molti meno danni rispetto alle originarie.

Le soluzioni

Proteggendo e ripristinando la natura, il rapporto ha detto, possiamo salvaguardare la biodiversità, aiutare a limitare il riscaldamento, migliorare il benessere umano e persino trovare protezione dalle conseguenze dei cambiamenti climatici, come inondazioni e tempeste intensificate.

Nella regione del Casamance del Senegal, ad esempio, le comunità locali stanno restaurando le mangrovie e adottando misure di pesca sostenibili, migliorando i sistemi selettivi di cattura, portando indietro i delfini e 20 specie di pesci che erano a rischio di collasso, immagazzinando in questo modo carbonio e proteggendo la loro costa, ha detto Pamela Mcelwee, un antropologo ambientale presso la Rutgers University che era uno degli autori del pannello di ricerca.

Nelle montagne indù del Sud dell'Asia meridionale, un progetto ha conservato un'area delle dimensioni del Belgio, ripristinando foreste di alta quota e proteggendo i leopardi delle nevi e i cervi muschiati, specie minacciate, il rapporto afferma, pur mantenendo il carbonio fuori dall'atmosfera. Gli 1,3 milioni di persone che vivono lì, a cavallo del Nepal, dell'India e della regione autonoma del Tibet della Cina, hanno visto i propri redditi familiari rafforzati attraverso il turismo e l'agricoltura sostenibile.

Anche le aree urbane possono fare la loro parte proteggendo e piantumando gli alberi nativi, rafforzando gli spazi verdi e gli ecosistemi costieri, hanno detto i ricercatori.

Il rapporto del workshop è stato il primo esempio di collaborazione intergovernativa internazionale per mitigare il cambiamento climatico e proteggere la biodiversità.


  • Media Release, pdf EN 
  • Workshop Report, pdf EN
  • Scientific Outcome, pdf EN

I commenti saranno revisionati prima della pubblicazione

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Linkware e Charityware, sono cioè risorse che si possono condividere liberamente sui social o altri media, citando la fonte. Significa anche che è gradita la donazione, la quale ci permette di mantenere vivo il Network e adempiere agli scopi statutari di Horse Angels odv.