Il 5 per mille a Horse Angels odv, una firma che non costa nulla

Horse Angels si sta specializzando in tutela di animali e ambiente in Tribunale.

Crediamo che gli animali, le piante, il mare, i laghi, l'ambiente tutto, abbiano bisogno di avvocati perché il benessere animale e ambientale sono beni collettivi.
Siamo costituiti parte lesa in fascicoli per maltrattamento animale e reati ambientali in molte regioni italiane.
Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere codice da inserire: 92169370928

tingey injury law firm yCdPU73kGSc unsplash

(Tempo di lettura: 5 - 10 minuti)

Una volta facevamo molto affidamento sui cavalli da lavoro. Prima dei veicoli a motore, erano la forma di trasporto più comune e fornivano forza di trazione per il trasporto di carichi pesanti. Ci hanno portato al lavoro, hanno tirato l'aratro e trasportato le merci. Nei paesi in cui auto e trattori sono una spesa impossibile, i cavalli da lavoro sono ancora il fondamento della vita per molte persone. In Italia, i cavalli da lavoro sono oramai una scelta, non una necessità, e si tratta di una decisione collegata a mantenere in vita delle tradizioni.

Vetinfo censisce in 3.998 i cavalli da lavoro in Italia nel 2020, tutti meritevoli di una legge speciale a loro tutela

Senza il loro cavallo da lavoro molte famiglie si troverebbero disoccupate. Queste persone vivono in un rapporto di interdipendenza con i loro cavalli. Si tratta di una sinergia, in cui il cavallo non ha scelto, esattamente come non sceglie di dedicarsi agli sport equestri, all'ippica, all'ippoterapia, all'equiturismo. La scelta è imposta sempre dall'essere umano, e in base alla scelta si determina l'impiego del cavallo.

I cavalli da lavoro in Italia non sono i cavalli da carne, questi ultimi censiti diversamente. Sono i cavalli adibiti al disboscamento, agli attacchi turistici, ci sono poi i cavalli delle forze armate e quelli che lavorano nelle ippoterapie al servizio della sanità umana.

Non solo questi cavalli forniscono mezzi di sussistenza diversi dalla carne nei contesti in cui sono inseriti, ma proprio per il servizio che rendono, la maggior parte di essi può ambire a esssere esonerata dal finire al macello.

Questi cavalli forniscono la ragione d'esistere nella realtà in cui sono inseriti e la loro presenza spesso costituisce un'attrazione. Ciò a sua volta aumenta le possibilità di lavoro per altri della zona (indotto). Per molti dei proprietari avere un cavallo da lavoro significa poter vivere la propria vita all'aperto con l'equino, preferendo questo tipo di esistenza a quella di un operaio, di un camice bianco o dell'addetto ad attività commerciali.

Dietro, c'è spesso la preferenza a passare il tempo con il cavallo piuttosto che con le persone. I cavalli da lavoro sono fondamentali per la vita, la felicità e gli affetti dei loro proprietari.

Tuttavia, ci sono, come in tutti i settori dei cavalli, delle sfide da affrontare. I proprietari di questi cavalli da lavoro fanno molto affidamento sui propri equini e spesso sentono un profondo legame con loro. Non significa però che le condizioni di lavoro non debbano essere regolamentate, perché il rapporto sia il più equilibrato possibile e il lavoratore cavallo abbia le sue tutele.

Tra gli obiettivi di Horse Angels, quello di fornire assistenza particolarmente ai cavalli da lavoro, promuovendo una migliore formazione per il benessere animale, una legislazione a loro tutela e il ricollocamento del cavallo laddove è necessario.

I cavalli da lavoro hanno diritto a una legge specifica, nazionale, per la loro tutela, che preveda i limiti degli orari di lavoro, le condizioni in cui il lavoro è possibile o va sospeso, la paga (sotto forma di accantonamento annuo per la pensione), e una casa a fine carriera.

E poiché ci sono molti terreni demaniali non usati, il governo potrebbe mettere a disposizione tali siti per il pensionamento convenzionato dei cavalli da lavoro non macellabili a fine carriera. E' vero, non si possono salvare tutti i cavalli di Italia, risorse per tutti non ci sono. Se si deve scegliere a quali cavalli fornire una casa nei pascoli demaniali di stato, a nostro avviso sono i cavalli da lavoro, con obbligo di accantonamento annuo della previdenza, ad avere diritto a una sorta di priorità acquisita.

Gli strumenti giuridici per la definizione dello status del cavallo lavoratore ci sono tutti, come ben esposto da un recente studio della giurista Marine Lercier.

Lo status giuridico speciale per i cavalli lavoratori

L'intrigante possibilità è stata sollevata in termini legali da Marine Lercier, dottoranda presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università Autonoma di Barcellona in Spagna.

Lercier ha illustrato le sue argomentazioni in una presentazione ad un recente simposio in Francia, organizzato dall'Associazione degli studenti di dottorato e del Centro di diritto commerciale degli avvocati. La sua presentazione è parte di un progetto finanziato dal Ministero dell'Economia e del Commercio spagnolo sullo status giuridico degli animali, ed è stata pubblicata sulla rivista dA.Derecho Animal (Forum of Animal Law Studies).

Lercier sostiene che gli animali hanno un diritto legittimo allo status di lavoratori quando la loro subordinazione li unisce all'uomo.

Tuttavia, gli animali rientrano invariabilmente nella categoria di un bene non umano in qualsiasi azienda o impresa. I risultati sono chiari quando si indaga sulla posizione degli animali nelle aziende, dice. Il loro lavoro non è riconosciuto, anche se non c'è dubbio che i loro talenti siano utilizzati a fine di trarne reddito o servizio. "Legalmente parlando, gli animali non fanno parte della forza lavoro dell'azienda. Sono ancora soggetti al regime patrimoniale, poiché non è stata adottata alcuna legge speciale per regolare ulteriormente il loro status".  Ciò che è prodotto da un animale come risultato del suo lavoro per l'uomo non gli appartiene mai, dice. "Il suo compromesso è la sussistenza, o anche molto spesso la semplice sopravvivenza, in assenza di un'applicazione efficace degli standard di protezione degli animali".

Né le leggi sul lavoro, né le leggi civili, hanno ancora affrontato i rapporti di lavoro che uniscono gli animali e l'uomo. Non esistono attualmente regole che proteggano gli animali al lavoro, nonostante la loro partecipazione a molteplici attività umane.

"Sebbene sia facile 'lavorare con gli animali', non viene mai riconosciuto esplicitamente che gli animali 'lavorano con le persone'. Perché? Perché gli animali sono ancora soggetti al regime legale di proprietà. "Il caso di un animale versatile come il cavallo ci porta a credere che, dopo aver ispirato numerose leggi sulla protezione degli animali, la sua partecipazione alla società attraverso il lavoro potrebbe essere la prima ad essere riconosciuta".

Un cavallo può essere un fornitore di servizi, trasportatore, terapista, atleta o tirare un aratro. "Ha molti ruoli ed è reclutato in base alle sue capacità personali e capacità fisiche, intellettuali o emotive che lo rendono unico".

Essere trattati bene sul posto di lavoro dovrebbe essere considerato un diritto della popolazione attiva, sostiene Lercier. Nota che il primo codice animale della Francia, pubblicato recentemente, riconosce gli animali come esseri viventi dotati di sensibilità. Definisce l'obbligo di mantenere gli animali domestici in condizioni coerenti con i requisiti biologici della loro specie. Il benessere, osserva, coinvolge non solo l'aspetto fisico, ma anche il mentale.

“Andare oltre la protezione fisica dell'animale per comprendere il suo stato emotivo è fare la differenza fondamentale tra la mera sopravvivenza e la qualità della vita dell'animale". “Si è quindi reso necessario tutelare l'integrità fisica e psicologica degli animali domestici utilizzati dall'uomo, finalmente riconosciuti come esseri viventi dotati di senzienza, non più come macchine dotate di riflessi meccanici".

Continua: “Rendendosi conto che gli animali - almeno i domestici - contribuiscono alla società in molti modi, la protezione degli animali può essere considerata una nuova area del diritto del lavoro in divenire. “A tutti gli effetti, l'utilizzo degli animali da parte dell'uomo nelle loro attività è oggetto di reciproci obblighi: obbedienza agli ordini, conformazione alle istruzioni, esecuzione dei compiti richiesti, esecuzione dei comportamenti appresi, docilità da parte dell'animale; buona cura, cibo, riparo, salute, conforto, attenzione da parte dell'uomo".

"Poiché la società tende a ripensare il suo rapporto con gli animali, una legge sulla protezione, sussistenza, salute, limitazione dell'orario di lavoro, che preveda l'adozione del riposo e del pensionamento degli animali da lavoro oggi è necessaria".

“Poiché lo status giuridico degli animali sta cambiando, anche il loro regime legale deve cambiare. Sottoporre gli animali al regime di proprietà, senza valorizzare la moltitudine e la ricchezza dei legami che li uniscono agli esseri umani attraverso la loro considerazione per Legge, mina la loro protezione e si rivela incapace di garantire il loro nascente Diritto al Benessere". “Spostare l'attenzione sugli obblighi reciproci e sugli interessi reciproci che uniscono uomini e animali nei rapporti di lavoro sembra essere la strada da percorrere".

"Vengono raccolti tutti gli ingredienti necessari per dare personalità giuridica agli animali da lavoro, soprattutto nel caso di equini che generano benefici quantificabili sotto forma di stanziamenti finanziari".

Lercier dice che generalmente si presume che gli animali non lavorino, e si presume erroneamente che si possano teorizzare le relazioni di lavoro da un lato e le relazioni uomo-animale dall'altro, senza mai considerare il lavoro animale o la partecipazione degli animali nella società.

“L'idea che il lavoro sia un rapporto sociale esclusivamente umano deve essere sfidata".

“Gli animali non lavorano solo da, con e per gli esseri umani. Tanti sono i casi di complessa divisione del lavoro per soddisfare i bisogni della collettività: api, castori, termiti, formiche… Tanti fatti sociali sono ignorati o volutamente negati dall'umanità, convinta per la maggior parte che solo l'uomo sia capace di innovare per risolvere i problemi. "Quando le capacità di determinati animali vengono utilizzate dagli esseri umani, questi animali sono coinvolti nella produzione di beni e nella creazione di ricchezza, forniscono servizi utili, partecipano alla vita della comunità per contribuire all'obiettivo generale di qualsiasi società, che è per migliorare il benessere generale di tutti e di ciascuno dei suoi membri."

Fornire agli animali il minimo necessario affinché possano generare la loro produzione difficilmente equivale a una protezione onnicomprensiva, dice. Liberare gli animali non significa necessariamente porre fine alle relazioni di lunga data che uniscono gli animali domestici con gli esseri umani.

“Si tratta di dar loro il potere di ottenere qualcosa di più della semplice sopravvivenza in cambio della loro partecipazione. Si tratta di consentire loro di vivere una vita coerente con la loro animalità e in armonia con la loro individualità.

“Si tratta di trattarli come gli esseri viventi che sono - e non come una cosa - che rappresenta l'obiettivo finale e più duraturo delle leggi sulla protezione degli animali sin dall'inizio".

“Non essere maltrattati è un diritto fondamentale. Essere trattati bene sul lavoro è un diritto del lavoratore, non un diritto specifico dell'essere umano".

La questione non è più quella di chiedersi se sia necessario avere una personalità giuridica per ottenere la protezione, ma di decidere finalmente in quali circostanze un animale può essere dotato di personalità giuridica - un prerequisito insormontabile per l'esercizio dei diritti e in particolare per il godimento di alcuni diritti sul lavoro.

"In definitiva", afferma, "le aziende che utilizzano animali possono benissimo operare come veri vettori di liberazione animale, non nel senso radicale del termine, ma nel senso di rimuovere gli ostacoli che sono ancora ostinatamente posti sulla via degli animali per lo sviluppo personale, poiché forniscono un servizio alla comunità o all'individuo, consentendo loro di emanciparsi finalmente".

"Il problema principale risiederà nella qualificazione e quantificazione della ricchezza prodotta dalla partecipazione degli animali nella società e più in particolare nell'azienda, e nella loro giusta remunerazione e ridistribuzione verso una loro migliore protezione".

Lercier, M., Tutela del benessere dell'animale-atleta nell'azienda sportiva alla luce dell'evoluzione del regime giuridico per gli animali, dA. Derecho Animal (Forum of Animal Law Studies) 10/1 (2019) - DOI https://doi.org/10.5565/rev/da.404

Il rapporto di Lercier, pubblicato sotto una licenza Creative Commons, può essere letto qui.

Non riceviamo fondi pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

***Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Charityware. Significa che i documenti che si possono scaricare sono utilizzabili gratuitamente come risorse aperte, mentre è gradito che il visitatore che trova utile il nostro sito web ci supporti attraverso azioni dirette o indirette di beneficenza (donazione o 5x1000). Gli articoli sono rilasciati con licenza Linkware, significa che si possono condividere e anche citare riportando il link alla fonte.