Il 5 per mille a Horse Angels odv, una firma che non costa nulla

Horse Angels si occupa di tutela giuridica di animali e ambiente. Crediamo che gli animali, le piante, il mare, i laghi, l'ambiente tutto, abbiano bisogno di avvocati e il nostro team legale lavora per proteggere gli animali e l'ambiente dalla crudeltà e negligenza che determinano un danno a quell'animale, ma anche a tutta la collettività, nel caso ad esempio di macellazione abusiva o di delitti ambientali. Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere, codice da inserire: 92169370928

tingey injury law firm yCdPU73kGSc unsplash

(Tempo di lettura: 2 - 4 minuti)

Da un paio di anni Horse Angels lamenta che non appare in chiaro sul sito del Mipaaf il dirigente dell'ufficio Mipaaf PQAI6, ufficio incaricato di: Gestione dei Libri genealogici ed import-export del Trottatore italiano, del Purosangue inglese e del cavallo da Sella italiano. Attività inerenti alla tutela del benessere animale; attività di prevenzione e di contrasto al doping su cavalli e cavalieri, fantini e guidatori nonché controllo dei veterinari e degli ispettori addetti ai controlli antidoping e produzione. Rapporti con i laboratori di analisi.

Una poltrona importante, per un onorario che, visti i dati pubblicati dal Mipaaf relativi agli emulamenti del dirigente fino al 2018, supera gli 87.000 euro annui, per i quali i cittadini italiani potrebbero pretendere di avere contezza delle attività per la tutela del benessere del cavallo sportivo, sia esso un trottatore, un purosangue o un sella italiano.

L'ultimo Dirigente noto, fino al 16 giugno 2018, era Gualtiero Bittini (correggiamo rispetto alla notizia pubblicata ieri, in quanto non c'è ancora nomina di attuale dirigenza sul sito Mipaaf). Chiunque verrà incaricato dopo così tanto tempo in assenza di un responsabile (dato il ruolo vacante), speriamo sia all'altezza del compito di implementare la percezione pubblica di tutela del cavallo sportivo, trattando della prevenzione, controllo e contrasto alle pratiche scorrette, la lotta all'impunità, all'omertà che caratterizzano abitualmente, almeno nell'opinione pubblica, e certamente nell'opinione degli animalisti, il mondo del cavallo agonista italiano.

Appello per una giustizia sportiva trasparente e rendicontabile

Il primo compito che gli affideremmo se fossimo in grado di influenzarne l'attività, è di ripristinare in chiaro la giustizia sportiva, senza la cui trasparenza non ci può essere percezione pubblica di giustizia. Oramai è dal marzo del 2019, oltre un anno, che le sentenze non sono pubbliche, quindi nessuno sa se ci sono puniti per le trasgressioni, il quantum della punizione, le motivazioni. Nessuno più sa se c'è una giustizia sportiva Mipaaf per i cavalli agonisti e qual è il suo valore morale, dunque quanto valga la pena spendere per essa di denaro degli italiani. Senza dati pubblici sui risultati effettivi, anche come prevenzione e contrasto, la spesa può apparire eccessiva.

Si spendono 5 milioni d'euro l'anno per l'antidoping. Ma non bastano, perché la giustizia sportiva si compone di:

  1. Giudici e commissari di campo trotto, galoppo, handicapper e tecnici del sella;
  2. Veterinari sul campo e per la campagna produzione;
  3. Antidoping e dna (Unirelab);
  4. Procura e Commissioni di Disciplina;
  5. Commissioni di controllo istituite in casi particolari.

Secondo Organismo Ippico Italiano, al costo stratosferico della totale partecipata Unirelab (5milioni annui circa), i cui referti quando qualitativi per il doping, ancorché positivi, abbiamo appurato in penale il loro valore essere prossimo allo zero per l'ipotesi di condanna per maltrattamento (secondo quanto stabilito dal c.p. italiano, il doping non sarebbe solo frode sportiva ma anche maltrattamento, peccato che arrivare alla condanna giudiziaria sia come scalare l'Everest), occorre aggiungere altri 5 milioni che rappresentano la spesa sostenuta dal Mipaaf solo per i giudici di campo del trotto e del galoppo, handicapper e tecnici del sella. A tale importo occorre inoltre aggiungere il costo dei veterinari, della Procura, delle Commissioni di disciplina, di controllo e dei rimborsi spese.

Il tutto in cambio di che cosa?

  • SCARSA TRASPARENZA
  • NESSUN RENDICONTAZIONE PUBBLICA DELL'OPERATO
  • IMPOSSIBILITA' DI VERIFICARE SE L'APPLICAZIOE DELLE REGOLE E' DEMOCRATICA O SOGGETTA A VARIABILI PERSONALIZZABILI

Se il sito del Mipaaf non si presta alla trasparenza, motivazione addotta per silenziare le sentenze, che la giustizia sportiva sia affidata ad ente terziario garantista. Con tutto lo sperpero di denaro pubblico per la giustizia sportiva amministrata dal Mipaaf, può darsi che convenga agli italiani, nel calcolo costo/benefici, che ad occuparsene sia un ente esterno, terziario a tutti gli attori. A essere garantito deve essere soprattutto il pubblico, visto che l'ippica pesa totalmente sul bilancio statale come attività passiva.

I numeri della crisi, dati Mipaaf

  • NATI GALOPPO 2009 = 1.558
  • NATI GALOPPO 2019 = 494
  • NATI TROTTO 2009 = 4.043
  • NATI TROTTO 2019 = 2011

Per quanto concerne la raccolta delle scommesse ippico sportive nel 2005 raggiungeva 1 miliardo e 700 milioni, nel 2013 la raccolta scendeva a 800 milioni circa, che diventano circa 500 milioni nel 2019.

La strada del rilancio è in salita e, a nostro avviso, non può prescindere da una migliore percezione della tutela del cavallo sportivo, specialmente nel riguardo delle provvisioni di giustizia nei confronti di chi erra e della tracciabilità al fine carriera dei cavalli.

Non riceviamo fondi pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

***Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Charityware. Significa che i documenti che si possono scaricare sono utilizzabili gratuitamente come risorse aperte, mentre è gradito che il visitatore che trova utile il nostro sito web ci supporti attraverso azioni dirette o indirette di beneficenza (donazione o 5x1000). Gli articoli sono rilasciati con licenza Linkware, significa che si possono condividere e anche citare riportando il link alla fonte.