Il 5 per mille a Horse Angels odv, una firma che non costa nulla

Horse Angels si occupa di tutela giuridica di animali e ambiente. Crediamo che gli animali, le piante, il mare, i laghi, l'ambiente tutto, abbiano bisogno di avvocati e il nostro team legale lavora per proteggere gli animali e l'ambiente dalla crudeltà e negligenza che determinano un danno a quell'animale, ma anche a tutta la collettività, nel caso ad esempio di macellazione abusiva o di delitti ambientali. Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere, codice da inserire: 92169370928

tingey injury law firm yCdPU73kGSc unsplash

(Tempo di lettura: 3 - 5 minuti)

Il dibattito sulla macellazione equina ogni tanto si riaccende anche negli USA con argomenti a favore, ma le ragioni del no finiscono sempre per abbondare. Sono oramai 13 anni da quando, all'interno degli USA, non si abbattono più cavalli per la carne. Si esportano però per la macellazione in Canada e Messico. Sembra irrazionale e soprattutto non sembra un sistema economico, ma traduce la disistima per i trafficanti di cavalli.

Nel 2007 è stato chiuso l'ultimo impianto di macellazione di cavalli situato entro i confini degli Stati Uniti d'America. Lo stop alla macellazione è arrivato gradualmente, di stato in stato. Gli ultimi 3 impianti a chiudere erano locati negli stati del Texas e Illinois. 

Durante questo periodo, l'emendamento Ensign-Byrd al bilancio agricolo aveva rimosso i fondi per le ispezioni sulla salubrità della carne di cavallo a uso umano. Senza possibilità di ispezioni sulla salubrità delle carni equine, nessun impianto ha più potuto riaprire i battenti da allora.

Successivamente al divieto di macellazione di carne equina, in USA è stato costante il taglio dei costi di bilancio per la sicurezza alimentare pubblica. Eppure, non è solo la carne equina a rappresentare un rischio alimentare. Anche altri animali possono essere allevati non correttamente e le loro carni essere insalubri o infette.

Il divieto di macellazione dei cavalli non ha inoltre rallentato il numero di cavalli a rischio di essere macellati, lo ha solo spostato oltre confine, in Messico o Canada, dove gli equini sono trasferiti per essere abbattuti negli impianti di quei paesi. A questo proposito, nei primi anni dopo il divieto, sembrava che il numero di abbandoni addirittura fosse aumentato. E che mai come prima i cavalli andassero al macello, benché oltre il confine. In un primo tempo dunque, la vittoria sulla macellazione ha reso le persone più superficiali, più propense a consegnare incautamente i cavalli ai trafficanti di carne equina, con il pensiero che a quei cavalli sarebbe stata risparmiata la macellazione.

13 anni di scandali sulle sofferenze dei trasporti oltre confine, hanno portato a maggiore consapevolezza che il trafficante di cavalli non si equivale al pensionamento al prato per l'animale. Le ultime statistiche, danno un calo delle esportazioni dei cavalli per il macello, almeno verso il Messico, e un aumento delle eutanasie come pratica di fine vita per i cavalli. Tra i metodi di eutanasia praticati, è ancora legale in USA sparare in testa al cavallo.

****

Di seguito sono riportate le statistiche dell'USDA Market News Livestock Export Summary dei cavalli spediti specificamente per la macellazione dai confini meridionali degli Stati Uniti al Messico negli ultimi 3 anni.

Nel 2019, 53.947 cavalli sono stati spediti dagli Stati Uniti in Messico per la macellazione.

Nel 2018, 70.708 cavalli sono stati spediti dagli Stati Uniti in Messico per la macellazione.

Nel 2017, 66.657 cavalli sono stati spediti dagli Stati Uniti in Messico per la macellazione.

****

Di seguito le Statistiche AWI (Animal Wellfare Institute) dal 2007 al 2015

ANNOCavalli macellati entro il confine USA# spediti per il macello in Messico# Spediti per il macello in CanadaTotale
2015 0 84,938 40,670 125,608
2014 0 105,375 40,410 145,785
2013 0 102,554 42,102 144,656
2012 0 110,791 55,781 166,572
2011 0 67,782 59,743 127,525
2010 0 52,862 53,803 106,665
2009 0 46,098 52,405   98,503
2008 0 56,731 42,232   98,963
2007 28,902 45,609 32,452 106,963

 

Riaprire i macelli equini non gode di popolarità, anzi c'è una fetta di americani che si ostina ogni anno a chiedere di inasprire il bando, affiancandolo al divieto di esportazione per il macello. Oltre ai costi "politici", anche quelli economici pesano sul no. Macellare cavalli richiederebbe stalle di sosta, tracciabilità equina nei trasporti, controlli di benessere sui cavalli, normative ad hoc per l'utilizzo dei farmaci consentiti e controlli sulla salubrità delle carni macellate.

E' ritenuto più conveniente, dal punto di vista dell'economia statunitense, far macellare i cavalli altrove, anche se questo non è un risparmio di sofferenza per gli animali.

I costi più elevati stimati per la riapertura di macelli equini in USA, non hanno però una contropartita in dollari, sono definiti costi culturali e sociali.

Sono stati diffusi studi, soprattutto pubblicati da associazioni animaliste, che sostengono che, in generale, i macelli, e in particolare quelli di cavalli, per il tipo di persone che portano, hanno un impatto negativo sulle comunità in cui si trovano sotto forma di:

  • perdita di appeal turistico,
  • svalutazione della comunità e delle proprietà immobiliari che ivi si trovano,
  • perdita di qualità della vita per gli abitanti, come riportato nelle comunità in cui prima si trovavano gli impianti di macellazione dei cavalli,
  • aumento dei furti di cavalli, di violenza domestica e di denunce di abusi su minori.

Insomma, i trafficanti di cavalli per il macello non sono visti di buon occhio negli USA, godono anzi di così bassa stima sociale che si pensa siano portatori di morbi sociali ed economici.


La situazione in Italia

In Italia non sono mai stati pubblicati studi storiografici sui costi economici e sociali della macellazione equina, da mettere sul piatto della bilancia per decidere come normare il settore e se vietare o meno la macellazione equina per il consumo umano, come fatto in altri paesi, benché i continui scandali di macellazione abusiva, ricettazione e furti di cavalli, corse clandestine su strada, di sicuro c'è un'economia a cui non fanno bene: la filiera sportiva, turistica, ludico e ricreativa intorno ai cavalli.

Non riceviamo fondi pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

***Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Charityware. Significa che i documenti che si possono scaricare sono utilizzabili gratuitamente come risorse aperte, mentre è gradito che il visitatore che trova utile il nostro sito web ci supporti attraverso azioni dirette o indirette di beneficenza (donazione o 5x1000). Gli articoli sono rilasciati con licenza Linkware, significa che si possono condividere e anche citare riportando il link alla fonte.