Il magistrato Enza Maccora ha inflitto in primo grado 5 anni e 4 mesi di reclusione al 28enne originario di Voghera ma residente a Cesano Boscone accusato di violenza sessuale aggravata per aver molestato 4 bambine, tutte di età tra i 5 e i 9 anni, in un maneggio in provincia di Milano che frequentavava come cliente.

Al termine della requisitoria il pm Rossana Guareschi del tribunale di Milano aveva chiesto solo un anno, per tenuità del fatto.

Una "concessione" che non era andata giù alle parti civili, tanto che una delle mamme delle bimbe aveva avuto un malore uscendo dal tribunale dove aveva sentito la richiesta del pm.

Stando a quanto ricostruito, l'uomo - che frequentava il circolo ippico perché proprietario di un cavallo lì alloggiato - tra febbraio 2018 e novembre 2019 avrebbe molestato le minorenni all'interno del maneggio alle porte del capoluogo lombardo, dove le stesse frequentavano un corso di equitazione.

L'uomo avrebbe prima spinto le minori all'interno della selleria per molestarle e, successivamente, le avrebbe minacciate di morte, con un coltello in pugno, se avessero raccontato le violenze a qualcuno. Parti civili al processo sono le vittime, che otterranno un risarcimento.

La giustizia sportiva

Nel dicembre 2020 il Tribunale Federale della Fise aveva comminato la sanzione di 5 anni di sospensione allo stesso tesserato per il reato di cui è accusato. Successivamente con il reinvio a giudizio dello stessso, la Federazione ha radiato l'uomo.