Il proprietario di una scuderia del Legnanese è stato denunciato per appropriazione indebita nel novembre 2023 dai Carabinieri Forestali: un’allevatrice sarda, infatti, lo ha accusato di essersi impossessato di due cavalli da salto ostacoli di sua proprietà, oggetto di un contratto di permuta.

Secondo la ricostruzione effettuata dai legali del legnanese nell’aula del Tribunale di Busto Arsizio, i due tenutari si sarebbero accordati per uno scambio che prevedeva due cavalli sardi a fronte di un cavallo lombardo, ma una volta perfezionata la trattativa, l'allevatrice sarda ha cambiato idea e richiesto indietro i cavalli, che però nel frattempo erano già stati rivenduti ad una terza persona.

Di qui la querela presentata ai Carabinieri e il susseguente sequestro cautelare disposto dal Pm, che però vedeva i due equini contesi a vivere per settimane prigionieri in un box di soli 3 metri per 4, con seri rischi per la loro salute.

In loro soccorso è arrivato il Tribunale del Riesame di Varese, hanno chiesto ed ottenuto la loro liberazione e restituzione al maneggio del Legnanese presso il quale, in virtù della suddetta permuta, potevano essere legalmente detenuti.

Ora il titolare della scuderia, a detta sua ingiustamente denunciato, ha a sua volta sporto querela per calunnia nei confronti dell’imprenditrice sarda.