Una firma che non ti costa nulla

Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere una modalità priva di costi per te è indicare il nostro 5x1000 nella tua dichiarazione dei redditi: codice 92169370928

2022x

Sostienici

Questo sito e tutte le attività di Horse Angels sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ci segue. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. IBAN: it37c0760113200001000505063 Bollettino postale: 1000505063 Conto intestato a Horse Angels

Offerta libera
 EUR

In attesa dell’inizio del processo di merito, relativo al reato di maltrattamento di animali, in allegato è possibile leggere la sentenza relativa al ricorso presentato avverso il sequestro preventivo degli animali (cavalli). L’imputato è accusato di maltrattamento di animali (37 cavalli e un cane). Su richiesta del Pubblico ministero, il Giudice per le indagini preliminari di Pavia disponeva il sequestro preventivo. L’accusa era di aver sottoposto a maltrattamenti, dai quali era derivata la morte, una cavalla e tenuto in precarie condizioni igieniche e di denutrizione gli altri animali.

La difesa ha proposto ricorso per cassazione denunciando il travisamento delle prove, la configurabilità delle sevizie e la sussistenza del periculum.

Il ricorso è stato rigettato.

Secondo la Corte di cassazione le censure si incentrano esclusivamente sulla condotta nei confronti della cavalla deceduta, senza alcun rilievo circa le condizioni degli animali e, in particolare, assumono che la caduta della cavalla sia stata accidentale.

Con specifico riferimento alle lesioni riscontrate sulla cavalla poi deceduta, secondo i giudici, l’elemento materiale del reato di maltrattamenti ex art. 544 ter c.p. è ravvisabile nelle escoriazioni non medicate né disinfettate e nelle gravi condizioni di denutrizione. Verosimile è che la caduta sia stata accidentale e che abbia procurato lesioni integranti il reato, ma altre lesioni, precedenti (di almeno un mese e mezzo) e gravi, erano presenti prima della caduta e avevano portato a una cronicizzazione della debilitazione.

A sostegno della misura cautelare reale vi è un solido compendio indiziario, che porta a ritenere delineato il fumus del reato contestato: condizioni di cattiva e insufficiente alimentazione, mancanza di controlli sanitari e cure igieniche, mancanza di manutenzione dei paddock e delle stalle fondano, ad avviso dei giudici, il pericolo di aggravamento o di protrazione delle conseguenze del reato.

Avv. Annalisa Gasparre – foro di Pavia, difensore Horse Angels nel fascicolo citato.

Il pdf della sentenza

Vuoi contribuire a far crescere i contenuti di questa piattaforma? Invia la tua proposta di articolo a info@horse-angels.it

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.