fbpx

Una firma che non ti costa nulla

Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere una modalità priva di costi per te è indicare il nostro 5x1000 nella tua dichiarazione dei redditi: codice 92169370928

2022x

Dona ora

Considera di sostenere la nostra missione e Network con una offerta libera online, con qualsiasi carta di credito. Anche 5 euro al mese possono fare la differenza.

Offerta libera
 EUR
(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

Gli operai del mondo del cavallo sono una delle occupazioni più importanti per l'industria, dal momento che forniscono il lavoro di base e tuttavia, il problema dell'alcolismo, della tossicodipendenza e della depressione vi sono assai diffusi.

Negli ultimi anni sono stati diversi gli studi internazionali pubblicati sui problemi di salute mentale di groom e artieri, come lo stress professionale e la depressione cumulativa data dalle mediocri condizioni di lavoro e relazionali che si contraggono nell'ambiente di lavoro preposto.

Si tratta infatti di uno dei lavori peggiori al mondo in termini di sicurezza sul lavoro, qualità della retribuzione, possibilità di avere ferie, pensione, contratto a tempo indeterminato.

Come se tutto ciò non bastasse, la paga spesso non è sufficiente per una vita indipendente, e il groom e l'artiere in Italia sono spesso visti vivere in box di cavalli, containers merci, fienili e altri alloggi di fortuna adiacenti al maneggio.

Non è finita. Si assiste spesso a situazioni molto sgradevoli, in cui questi operai del mondo del cavallo sono trattati con disprezzo da chi si crede di rango più elevato e si diverte a sbeffeggiarli e a dare loro ordini senza il minimo contegno e sobrietà per il rispetto che si dovrebbe a qualsiasi creatura vivente che cerca di fare dignitosamente il proprio lavoro, per quanto umile.

Quando si parla allora di tutela equina, viene difficile pensare che i cavalli siano in buone mani, quando il loro ambiente umano di vita è questo.

Una riforma dello sport, o dell'ippica, non dovrebbe dimenticare gli operai dell'industria, stabilendo delle condizioni minime contrattuali per poter tenere in scuderia un artiere o groom. Sotto quelle condizioni minime, si dovrebbe parlare di lavoro in nero ed abusivo, e come tale perseguito dagli organi predisposti di ispettorato al lavoro.

In sintesi, lo studio si basa sull'intervista a 207 artieri. I risultati di questo studio hanno mostrato che il livello di stress lavorativo degli stessi è superiore a quello riscontrabile nella media operaia della popolazione coreana. È stata inoltre identificata la differenza significativa nello stress professionale mostrando un alto rischio di depressione basato sulla precarietà del lavoro e la compensazione inadeguata. Il 34% degli artieri intervistati per lo studio ha mostrato segni evidenti di problemi mentali importanti.

Altri studi stranieri sul tema per approfondimento:

Working under conditions of social vulnerability: Depression among Latina/o immigrant horse workers

Missed work due to occupational illness among Hispanic horse workers

Occupational health among Latino horse and crop workers in Kentucky: the role of work organization factors

Vuoi contribuire a far crescere i contenuti di questa piattaforma? Invia la tua proposta di articolo a info@horse-angels.it

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.