Una firma che non ti costa nulla

Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere una modalità priva di costi per te è indicare il nostro 5x1000 nella tua dichiarazione dei redditi: codice 92169370928

2022x

Sostienici

Questo sito e tutte le attività di Horse Angels sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ci segue. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. IBAN: it37c0760113200001000505063 Bollettino postale: 1000505063 Conto intestato a Horse Angels

Offerta libera
 EUR

La Corte di appello di Catania aveva disposto nel 2022 la consegna di Nicholas Cachia alle competenti Autorità della Francia, in relazione al m.a.e. emesso il 21 marzo 2022 dal Tribunale di Bordeaux per i reati di truffa, associazione a delinquere e traffico di sostanze dopanti, commessi in Francia, Italia, Malta e Spagna dal luglio 2020 al marzo 2022.

Si tratta di un proprietario di cavalli da corsa che ha i colori anche in Italia, i suoi cavalli hanno corso fino ad agosto 2022, stando ai siti di corse italiani, coinvolto in una maxi operazione internazionale, tra la Francia, la Spagna e l’Italia, su un presunto traffico di sostanze dopanti per le corse dei cavalli.

Il capo di tutto sarebbe stato l’imprenditore maltese Yorgen Fenech accusato di essere la mente dietro l’assassinio della giornalista investigativa maltese Daphne Caruana Galizia (uccisa nel 2017), famosa per i suo reportage investigativi (l'omicidio fece così scalpore, che il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, aveva annunciato una ricompensa di 20 000 dollari a chi avesse fornito informazioni utili alla condanna degli assassini di Caruana Galizia, mentre una campagna di crowdfunding era stata lanciata per una taglia da 1 milione di euro allo stesso scopo).

Le accuse di traffico di sostanze dopanti per cavalli sono legate a una società maltese. Anche due soci in affari di Fenech, Joseph (il padre) e Nicholas Cachia (il figlio) sono accusati. Entrambi proprietari di cavalli da corsa. Nicholas Cachia, 46 anni, possiede cavalli da corsa in Italia, ed è stato menzionato di recente in tribunale come l’uomo con cui Fenech stava discutendo i suoi piani per fuggire da Malta per la Sicilia per raggiungere la destinazione finale, Francia.

Cachia, socio in affari ippici di Yorgen Fenech, è accusato di importazione illegale di integratori normalmente usati per drogare i cavalli da corsa.

Le accuse contro Cachia sarebbero il risultato di indagini scaturite sulla sua relazione con il presunto cospiratore dell'omicidio di Daphne Caruana Galizia.

I registri aziendali maltesi mostrano che Cachia possiede una società chiamata Technovet, che si pubblicizza come specializzata in prodotti veterinari per cavalli.

All'inizio di quest'anno, Cachia è stato arrestato in Italia e trasferito in Francia, dove era ricercato dalle autorità per il suo sospetto coinvolgimento in un giro di doping di cavalli da corsa. Il sospetto racket coinvolge allenatori di cavalli da corsa, proprietari, medici e farmacisti, secondo l'ufficio del procuratore di Bordeaux.

A marzo sono stati effettuati raid coordinati della polizia in Francia, Spagna e Sicilia in relazione all'indagine.

Cachia quando è stato arrestato era in Italia e stava già affrontando accuse di riciclaggio di denaro nel tribunale di Malta.

Cachia, 47 anni, e suo padre Joseph sono stati chiamati in giudizio a La Valletta nell'agosto dello scorso anno, insieme a una serie di altri soci in affari di Fenech con legami con una società di giochi maltese chiamata Glimmer Ltd. Oltre a riciclaggio di denaro, è stato anche accusato di appropriazione indebita e frode.

Le accuse derivavano da un'indagine del dipartimento di investigazione sui crimini finanziari della polizia. L'ispettore di polizia Brian Paul Camilleri, dell'accusa, aveva detto alla corte che i dati e le comunicazioni elettroniche, inclusi i messaggi tra Fenech e altri, indicavano attività di riciclaggio di denaro.

Le prove presentate nel caso di riciclaggio di denaro hanno caratterizzato discussioni tra Fenech e Cachia su ingenti pagamenti in contanti per l'acquisto di cavalli francesi. Fenech, un appassionato di cavalli, è noto per aver effettuato pagamenti a una società francese per ottenere i diritti sul premio in denaro per i cavalli da corsa francesi, utilizzando una società offshore di proprietà opaca.

Cachia, assistito dall'avvocato Kathleen Grima, si è dichiarato non colpevole.

Il Mipaaf gli ha tolto nel frattempo i colori?

Fonte

Vuoi contribuire a far crescere i contenuti di questa piattaforma? Invia la tua proposta di articolo a info@horse-angels.it

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.