fbpx
(Tempo di lettura: 1 minuto)

20 luglio 2020 - Cassino - Si è concluso il processo a carico dell’allenatore e del proprietario di una tra le più note e storiche scuderie di cavalli trottatori in attività a Santi Cosma e Damiano. I due, della scuderia Bacio Terracino sono stati entrambi assolti dal giudice monocratico del tribunale di Cassino.

La vicenda trae origine da una corsa avvenuta nell’agosto del 2013 presso l’ippodromo del Garigliano: la trottatrice Pashman Light con il suo tempo record di 1.14 minuti, vinse la gara. A seguito dei controlli antidoping effettuati nell’immediatezza dall’Unire, però, il cavallo risultò positivo a sostanze dopanti nel sangue.

Il giudice all’esito dell’istruttoria dibattimentale, nonostante la richiesta di condanna del pubblico di ministero per i reati di maltrattamento sull’animale e frode sportiva,  ha deciso di accogliere le doglianze dei difensori Enrico Pagnotta dello studio legale Trofino e Gaspare D’Elia. Secondo la difesa l’alterazione del sangue e la positività ai controlli antidoping potrebbe essere stata causata dalla banale applicazione di una pomata atta a lenire le punture di insetto finalizzata esclusivamente al benessere dell’animale.

Commentazione.

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.