fbpx

2022X

(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Gela 7 Marzo 2020. Scommesse, cavalli dopati e corse clandestine che sarebbero state organizzate lungo la statale 117 bis, tra i territori di Gela e Piazza Armerina.

Dopo tre anni dai fatti, i pm della procura di Enna hanno chiuso le indagini nei confronti di ventuno coinvolti, undici sono gelesi. Il blitz dei militari della guardia di finanza e dei poliziotti scattò dopo un lungo periodo di osservazioni e appostamenti. Il gruppo, composto non solo da gelesi ma anche da ennesi e catanesi, si sarebbe mosso con precise regole, anche per evitare controlli. Le forze dell’ordine arrivarono probabilmente poco prima della partenza di una nuova gara. Pare ci fosse chi faceva da staffetta, così da avvisare gli altri nel caso di presenze sospette. Tra le varie contestazioni, c’è anche quella di maltrattamenti ai cavalli usati lungo la “pista” della 117 bis Gela-Catania. Dopo gli arresti, in fase di riesame molte misure cautelari vennero riviste. I coinvolti si sono sempre difesi, escludendo che i cavalli fossero usati per competizioni clandestine.

Le indagini sono state chiuse con reinvio a giudizio di: Salvatore Puccio, Emanuele Puccio, Giuseppe Emmanuello, Pietro Tosto, Orazio Fazzino, Benedetto Rinzivillo, Graziano Gallo, Rosario Cassarino, Gaetano Cassarà, Nunzio Martorana ed Emanuele Trainito.

Vuoi contribuire a far crescere i contenuti di questa piattaforma? Invia la tua proposta di articolo a info@horse-angels.it

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.