fbpx
(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

L'uveite ricorrente equina (ERU), nota anche come mal della Luna, iridociclite ricorrente o oftalmia periodica, è un'infiammazione acuta, non granululacea del tratto uveale dell'occhio, che si verifica comunemente nei cavalli di tutte le razze, in tutto il mondo. Il fattore causale non è noto, ma sono state suggerite diverse patogenesi. È la causa più comune di cecità nei cavalli. In alcune razze può essere coinvolto un fattore genetico.

Possibili cause

  • Carenza di vitamina (A, B o C)
  • Infezione virale
  • Infezione batterica
  • Leptospirosi
  • Streptococco
  • Brucellosi
  • Infezione parassitaria da strongili
  • Oncocercosi
  • Malattia autoimmune

È stato suggerito che la malattia sia principalmente di natura autoimmune, essendo una reazione di ipersensibilità ritardata a uno qualsiasi dei suddetti agenti.

Sintomatologia

Nella fase acuta della malattia è presente una congiuntivite catarrale, con segni di dolore oculare, generalmente blefarospasmo, aumento della lacrimazione e fotofobia. Anche la miosi è di solito presente. Dopo alcuni giorni, questo passerà a cheratite e iridociclite. Possono verificarsi anche altri problemi oculari, tra cui edema congiuntivale e corneale e bagliore acquoso.

Dopo una riacutizzazione, i segni clinici possono scomparire per un periodo prolungato. Con frequenti incidenti acuti, tuttavia, possono essere osservati ulteriori segni clinici, tra cui sinechie anteriori e posteriori, scarse risposte pupillari, cataratta e un aspetto torbido dell'umor vitreo.

Diagnosi

Anamnesi (storia accurata) e un buon esame clinico dell'occhio, per eliminare l'ipotesi di uveite traumatica. L'ecografia è uno strumento utile, in quanto può rilevare un'iride ispessita, ma solo nelle mani di un veterinario esperto a valutare le patologie oculari.

Trattamento

Durante una riacutizzazione, la terapia ha lo scopo di ridurre l'infiammazione presente e dilatare la pupilla. La terapia antinfiammatoria viene di solito somministrata sia a livello sistemico, sia topicamente, con unguenti o colliri per l'occhio. Nei periodi tra attacchi acuti, nessuna terapia ha dimostrato di essere benefica.

Prognosi

I cavalli che soffrono di questa malattia non possono mai essere considerati guariti, sebbene possano essere gestiti con un uso attento della terapia medico veterinaria e una rapida individuazione di nuove riacutizzazioni. Se la malattia non viene trattata correttamente, alla fine porterà alla cecità completa. Per questo è importante tenere il cavallo sotto stretta osservazione con un veterinario esperto di patologie dell'occhio.

Epidemiologia

L'ERU si verifica nei cavalli di tutto il mondo. Maschi e femmine sono ugualmente colpiti.

Genetica

L'Appaloosa ha un rischio maggiore di sviluppare ERU rispetto ad altre razze; questa predisposizione ha una base genetica. Gli appaloosa che sviluppano ERU hanno maggiori probabilità rispetto ad altre razze di sviluppare la patologia in entrambi gli occhi e hanno maggiori probabilità di diventare ciechi da uno o entrambi gli occhi.

Prevenzione

E' importante escludere gli appaloosa che hanno questo problema dalla riproduzione, per evitare la ricorrenza su base genetica.

Commentazione.

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.