fbpx
(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Il cavallo Ventasso è una rara razza di cavallo originaria dell'alta Val d'Enza nella regione Emilia Romagna.

È una delle quindici "razze a distribuzione limitata" indigene riconosciute dall'AIA, l'associazione degli allevatori italiani.

Prende il nome dal Monte Ventasso, in provincia di Reggio Emilia.

La razza del cavallo Ventasso è stata formata dall'incrocio di cavalli locali con il Lipizzano e il Maremmano. Fino agli anni '40 i cavalli del Ventasso venivano forniti ai militari per le guerre.

Oggi il Ventasso è usato come un cavallo da equitazione generica, ma va bene anche come un cavallo sportivo da competizione.

È in pericolo di estinzione, per questo è importante privilegiarlo rispetto ad altri, sia nell'allevamento, sia nell'acquisto.

Del resto i cavalli del Ventasso sono ben proporzionati ed espressivi, con un profilo dritto e un collo muscoloso di media lunghezza. La spalla è inclinata. Il torace è profondo e la schiena è di buona lunghezza.

I colori del mantello baio e grigio sono i più comuni.

L’altezza al garrese non supera i 165 cm. I maschi misurano tra 152 – 164, le femmine tra 150 – 162 cm.

Gli arti del cavallo del Ventasso, sono robusti con tendoni rilevati e asciutti. Le articolazioni ampie e robuste, adatte alla campagna a a diverse tipologie di terreno, roccioso o morbido.

Grazie alla sua conformazione, con appiombi regolari, il piede resistente, il cavallo del Ventasso palesa un andatura equilibrata, regolare nella sua ampiezza ed elastica, per adattarsi al terreno.

Commentazione.

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.