fbpx
(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Il Lipizzano è un cavallo sloveno utilizzato per alta scuola, parate militari e spettacoli equestri.

Caratteristiche fisiche

Il Lipizzano ha un corpo compatto ma ben formato. La sua testa è lunga e diritta, caratterizzata da una mascella pronunciata, occhi espressivi e orecchie grandi; il suo collo, nel frattempo, è lungo, muscoloso e arcuato.

Un fiero cavallo di razza, la sua eleganza è dimostrata dalle gambe muscolose, dall'andatura liscia e dall'azione alta del ginocchio, che spiega anche la monta confortevole del Lipizzano. In media, un Lipizzano è alto da 155 a 165 al garrese. La parte posteriore del Lipizzano è lunga e talvolta vuota. La sua groppa, tuttavia, è corta, larga e leggermente inclinata.

Il colore del mantello più comune per il Lipizzano è il bianco, sebbene generalmente sia grigio, diventando bianco solo una volta maturato.

Personalità e temperamento

Si dice che il Lipizzano sia un po 'testardo. Uno, quindi, ha bisogno di grande pazienza e competenza durante l'addestramento di questo tipo di cavallo. Installa un buon comportamento premiandolo per il buon comportamento, ma non aver paura di ammonire severamente un Lipizzano che si comporta male (anche se la punizione corporale non è consigliata).

Storia e retroscena

Spesso associato alla scuola di equitazione spagnola di Vienna, il Lipizzano è molto amato da chi pratica alta scuola equestre. La razza prende il nome dal villaggio di Lipizza, vicino al confine nord-est Italia/Slovenia. Ora parte della Jugoslavia, Lipizza apparteneva all'Italia prima della seconda guerra mondiale; ancor prima, durante lo sviluppo della razza, Lipizza era considerata un territorio austriaco. Per questo motivo, Austria e Slovenia si contendono il titolo di patria del Lipizzano.

Commentazione.

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.