fbpx
(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Stiamo perdendo tutto. Nel secondo decennio del 21 ° secolo, la perdita e il dolore sono diventati il ​​nostro pane quotidiano, ma non sappiamo come masticarlo. Horse-Man è un invito a riconquistare noi stessi con l'abilità perduta del risveglio collettivo; impegnarsi nuovamente con una consapevolezza più profonda dell'esperienza condivisa, in cui le distinzioni tra sé e gli altri iniziano a confondersi: siamo tutti l'insieme.

Horse-Man, pubblicato nel settembre del 2019 dalla poetessa Em Strang, è una collezione poetica tra il surreale e il mistico, dove l'uomo e il non umano si fondono e si confondono l'uno con l'altro. In questo spazio liminale, la perdita e il dolore sono riconosciuti e talvolta abbracciati, permettendo alle piccole cose che scindono, di fondersi nel bene comune.

In parte appassionato, in parte celebrativo, Horse-Man immerge il lettore in una potente difesa del significato del sacro e interloquisce con il lettore, chiedendogli cosa significhi essere un intero, un essere umano completamente incarnato.

Da leggere a lume di candela.

Em Strang è una poetessa scozzese che, megli ultimi dieci anni, ha insegnato Scrittura Creativa in seminari pubblici, scuole, università e carceri, e continua a esibirsi in letture di poesie in tutto il Regno Unito.

La sua prima collezione, Bird-Woman, è stata pubblicata da Shearsman nel 2016. Nel 2017, Bird-Woman è stata selezionata per il premio Seamus Heaney come migliore prima collezione e ha vinto il premio di poesie dell'anno. La sua seconda collezione, Horse-Man, è uscita con Shearsman a settembre 2019.

Non ancora tradotta in italiano. I due libri si possono trovare in inglese.

Commentazione.

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.